Salix x wolfiana Rouy +VEN +ITA

Contributi sulla flora italiana pubblicati in Actaplantarum (sola lettura)
Regole del forum
I messaggi di questo forum costituiscono una preziosa documentazione della presenza allo stato spontaneo della flora italiana ordinata in base alla data del rinvenimento, sequenza che verrebbe alterata da qualsiasi intervento successivo, ammissibile SOLO in caso di errori nella determinazione. Per segnalare errori inviate un messaggio nel forum "Correzioni e modifiche ad Archivio floristico" ricopiando il Topic_id che trovate in cima a ogni topic dell'Archivio
Rispondi FOTO IN GALLERIA IPFI Topic_id: 91117
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3150
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Salix x wolfiana Rouy +VEN +ITA

Messaggio da Merli Marco »

Salix x wolfiana Rouy (Salix glaucosericea Flod.x Salix helvetica Vill.)
Salicaceae: Salice di Wolf
Passo Pordoi (BL), 2150 m, lug 2016
Foto di Marco Merli

Questa combinazione ibrida è stata per me molto impegnativa, infatti ho dovuto fare ben 3 escursioni mirate a Passo Pordoi, dopo di che capire dove finiva la variabilità di Salix glaucosericea e di Salix helvetica, capito il limite di variabilità il gioco era fatto ;) ma è stata dura, anzi di più, infatti capire la variabilità di questi 2 Salix (Salix helvetica trova al Pordoi il suo linite orientale, quello di Salix glaucosericea è spostato leggermente più ad oriente) c'è ne è voluta, come ben noto quando una specie si trova al margine del proprio areale può cambiare il suo "habitus", i Salix non fanno eccezione anzi..........

ovviamente ho dovuto confrontare la variabilità dei 2 Salix elencati oltre che dal Pordoi, anche da altre zone in particolare dalle Alpi centro-occidentali (essiccata depositati nel mio erbario)

Questo ibrido per me è rarissimo, non solo sulle dolomiti ma ovunque (Alpi) ed è di difficile individuazione e classificazione

Altre segnalazioni di questa combinazione proveniente dalle Alpi andrebbe rivista da specialisti del genere, infatti è facilissimo inciampare in forme limite sia di Salix glaucosericea sia di Salix helvetica

L' unica pianta trovata, in pratica presenta caratteri intermedi (visibili dall' indumento fogliare, in maniera minore anche dalla forma delle stesse foglie) di entrambi i " genitori"
ovviamente dalle foto qui presenti non è facile vedere le caratteristiche ma dagli essiccata si vedono eccome

i campioni del ritrovamento si trovano nel mio erbario

Marco
Allegati
{F 6243}
{F 6243}
P1160588.jpg (65.51 KiB) Visto 852 volte
Ultima modifica di Merli Marco il 01 gen 1970, 02:00, modificato 0 volte in totale.
Motivazione: {Italia - 4 - 11 - 0}
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3150
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Re: Salix x wolfiana Rouy

Messaggio da Merli Marco »

Salix x wolfiana Rouy
Allegati
{F 6243}
{F 6243}
P1160589.jpg (70.37 KiB) Visto 851 volte
{F 6243}
{F 6243}
P1160593.jpg (67.05 KiB) Visto 851 volte
Avatar utente
Merli Marco
Messaggi: 3150
Iscritto il: 18 dic 2013, 21:02
Nome: Marco
Cognome: Merli
Residenza(Prov): TN

Re: Salix x wolfiana Rouy

Messaggio da Merli Marco »

Salix x wolfiana Rouy
Allegati
{F 6243}
{F 6243}
P1160595.jpg (67.31 KiB) Visto 849 volte
{F 6243}
{F 6243}
P1160598.jpg (63.79 KiB) Visto 849 volte
Avatar utente
Enrico Banfi
Moderatore
Messaggi: 3578
Iscritto il: 01 set 2009, 11:50
Nome: Enrico
Cognome: Banfi
Residenza(Prov): Milano (MI)

Re: Salix x wolfiana Rouy

Messaggio da Enrico Banfi »

Eccellente, Marco, qui possiamo finalmente far vedere un vero ibrido di Salix, cosa non facile a farsi. Rientra nelle "eccezioni" che confermano la regola secondo cui il grosso della variabilità in Salix non è da attribuire agli ibridi, ma alle specie stesse. :applauso:
Σκιᾶϛ ὄναρ ἄνθροπος (Pindaro, Pitiche VIII)
Rispondi

Torna a “Archivio floristico”