Glossario dei termini botanici
(a cura di Giuliano Salvai e Giovanni Dose)

Selezionare lettera iniziale  A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

 

Cliccare sul nome o sull'immagine per visualizzare la pagina di dettaglio.

nome immagine pic descrizione
- 0 Piante nelle quali si forma come prodotto della fissazione fotosintetica del Carbonio un composto di 3 atomi di carbonio (acido fosfoglicerico)
- 0 Piante (mais, canna da zucchero e alcune dicotiledoni) nelle quali si forma come prodotto della fissazione fotosintetica del carbonio un composto di 4 atomi di carbonio (ossalacetato).
- 0 Rametti e foglie giovani sviluppatisi recentemente.
- 0 Dicesi di piante (piccole spermatofite, muschi, epatiche, licheni) che riescono a vivere al limite delle nevi perpetue.
1 Pianta che ogni anno, al sopravvenire della stagione avversa, perde le foglie.
- 0 Che ha breve durata, sinonimo di effimero e contrario di persistente.
La corolla è sempre caduca mentre il calice spesso è persistente. Le foglie possono essere persistenti o caduche.
1 Caelestis viene considerato come una gradazione chiara del blu e del ciano, che deriva dal latino caelus e che tenta di rappresentare il colore del cielo diurno sereno.
Alcune specie botaniche e micologiche portano questo nome e sue derivazioni:

Caelestis: Astragalus caelestis, Clitoria caelestis, Codonoboea caelestis, Crocus caelestis, Didymocarpus caelestis, Gagea caelestis, Gentiana caelestis, Henckelia caelestis, Hohenbergia caelestis, Ionactis caelestis, Torenia caelestis
Caelestinus: Penstemon caelestinus, Echinospermum caelestinum, Mertensia caelestina, Romulea caelestina, Entoloma coelestinum, Chaetosphaeria caelestina
Caelestialis: Triodia caelestialis , Laboulbenia caelestialis
Caelicolor: Cortinarius caelicolor

4 Caeruleus con i suoi sinonimi latini azureus, caelestis, caelicolor, indica una gamma di colori che vanno dal celeste chiaro al turchese, e si colloca a metà strada tra il blu e il ciano. Viene descritto come il colore del cielo in una giornata serena.
Spesso si combina con altri colori dando origine a diverse tinte.

Caeruleus: Aquilegia caerulea, Allium caeruleum, Hygrophorus caeruleus, Lupinus caeruleus, Carthamus caeruleus, Tricholoma caeruleum, Russula caerulea, Crocus caeruleus, Carduncellus caeruleus

Caerulescens: Artemisia caerulescens, Cortinarius caerulescens, Noccaea caerulescens, Thlaspi caerulescens, Psilocybe caerulescens, Suillus caerulescens
Atrocaeruleus: Cortinarius atrocaeruleus, Hohenbuehelia atrocaerulea
Aurantiocaeruleus: Cortinarius aurantiocaeruleus
Caeruleoeburneus: Cortinarius caeruleoeburneus
Caeruleogriseus: Cortinarius caeruleogriseus
Caesiocaeruleus: Entoloma caesiocaeruleum
Lavandulocaeruleus: Cortinarius lavandulocaeruleus
Viridicaeruleus: Cortinarius viridi-caeruleus
Croceocaeruleus: Cortinarius croceocaeruleus
Purpureocaeruleus: Buglossoides purpureocaerulea, Tragopogon purpureocaeruleus
3 Colore composto essenzialmente da azzurro e grigio in varie tonalità come l'iride degli occhi di alcune persone, che si combina anche con altri colori.

Caesius: Acacua caesia, Rubus caesius, Linaria caesia, Lepraria, Hieracium caesium, Poa caesia, Saxifraga caesia, Rosa caesia, Solidago caesia, Aloe caesia, Oligoporus caesius, Campanella caesia
Caesiellus: Leptogium caesiellum, Graphis caesiella, Entoloma caesiellum, Cortinarius caesiellus
Caesioalbus: Lepraria caesioalba
Caesiobrunneum: Cortinarius caesiobrunneum
Caesiocaeruleus: Entoloma caesiocaeruleum
Caesiocanescens: Cortinarius caesiocanescens
Caesiocinereus: Aspicilia caesiocinerea
Caesioflavescens: Cortinarius caesioflavescens
Caesiogriseus: Cortinarius caesiogriseus
Caesiomurinum: Entoloma caesiomurinum
Caesionigrellus: Cortinarius caesionigrellus
Caesiopallens: Cortinarius caesiopallens
Caesiopallescens: Cortinarius caesiopallescens
Caesiostramineus: Cortinarius caesiostramineus
Caesiotinctus: Volvariella caesiotincta
Caesitius: Physcia caesitia, Lecidella elaeochroma var. caesitia
Luteocaesius: Oligoporus luteocaesius
Subcaesius: Oligoporus subcaesius
1 Fusto erbaceo, vuoto e senza nodi né rami, come quello delle Juncaceae.
1 Morfologie di terreni, tipicamente erosi da acque di dilavamento, per assenza di coperture vegetali, che si trasformano in vallecole separate da costoni a forma di lama di coltello che assumono disposizioni ordinate a lisca di pesce, a pettine o simili.
2 Infiorescenza costituita da numerosi fiorellini fittamente impiantati ciascuno su un alveolo di un ricettacolo piu' o meno discoidale, che ha forma emisferica, ovoidale o clavata e ricoperto all'esterno di brattee involucrali dette fillari.
I fiori sono spesso accompagnati da una piccola brattea scariosa (brattea ricettacolare o paglietta) e sovente quelli all'interno (fiori del disco) differiscono da quelli della periferia (fiori del raggio).
L'intera infiorescenza simula un unico fiore.
1 Regione dell'ovulo dove convergono nocella e tegumenti e termina il funicolo che lo unisce alla placenta dell'ovario.
- 0 Fecondazione nella quale il tubetto pollinico entra nel rudimento seminale attraverso la calaza ( es. Alnus).
1 Organo di pianta (corolla o calice) dotato di sperone;
(sin. speronato).
- 0 Roccia composta in prevalenza (>50%) da carbonato di calcio.
1 (o Calceolato) Organo a forma di scarpetta.
1 (o Calcicola, calcofila, calcipeta) Dicesi di una pianta che tende a vegetare solo su suoli calcarei (gesso, arenaria, roccia calcarea)
(Centaurea montisborlae, Erica carnea, Primula auricola, Rhododendron hirsutum, ecc.)
1 (o Calcifoba) Dicesi di una pianta che tende ad evitare suoli calcarei.
(Calluna vulgaris, Rhododendron ferrugineum, Primula hirsuta ecc.)
1 Dicesi dell'insieme dei sepali, cioè dell’ involucro esterno del perianzio che ha funzione protettiva degli organi interni del fiore, solitamente di colore verde, ma talvolta assume anche colorazioni vistose, quando svolge la funzione della corolla se questa è assente o è ridotta.
Se i sepali sono liberi fra loro, il calice si dice dialisepalo o polisepalo (lino, rosa); se uniti, anche per un breve tratto, si dice invece gamosepalo primula, mughetto, datura).
Nel calice dialisepalo ogni pezzo è composto da l' unghia che è la parte basale inserita sul ricettacolo e dal lembo che è la parte slargata sovrastante.
Il calice gamosepalo presenta il tubo che è la parte dove i sepali restano uniti, la fauce o gola che è la parte dove si separano e il lembo che è la porzione superiore, libera e dilatata.
1 Verticillo di piccole brattee sepaloidi posto all'esterno e immediatamente sotto il calice avvolgendolo.
Viene anche chiamato Epicalice o Caliculo
- 0 Dicotiledoni nel sistema classificatorio di De Candolle come Rosaceae, Crassulaceae, Saxifragaceae, Rubiaceae, con ricettacolo fiorale generalmente concavo e con calice, petali e stami perigini o epigini. La parte espansa del ricettacolo (ipanzio) simula la parte basale del calice (da cui il nome "Caliciflore") su cui petali e stami sembrano inseriti.
- 0 Dicesi di organo attinente al calice.
1 Calice fornito di calicetto
- 0 Dicesi di fiore con ovario semiinfero e gli altri organi fiorali perigini (es. Alchemilla).
2 - Rivestimento, che ricopre come una cuffia l'apice delle radici con funzione protettiva del meristema apicale. (Sin. Pileoriza o Cuffia).
- Nelle briofite è la porzione ingrandita dell'archegonio che circonda lo sporofito mel suo sviluppo.
- In alcuni fiori (Eucalyptus) è la cuffia che ricopre e preserva gli stami formata da pezzi del perianzio.
- 0 Escrescenza di piccole dimensioni.
-Deposito di una sostanza, la callosi, che forma un tessuto tenero parenchimatoso e che si sviluppa dopo una lesione ad una pianta tendendo a ricoprire la ferita, ostruendo in inverno i vasi conduttori della linfa elaborata.
-L'accumulo di callosi forma il callo dei tubi cribrosi che ostruisce il trasporto delle sostanze organiche durante l'inverno.
1 Escrescenza dure, di piccole dimensioni posta su alcuni organi.
(es. alla base del labello di alcune orchidee)
- 0 Crassulacean Acid Metabolism. Tipo speciale di metabolismo usato da certe piante specialmente (Crassulaceae, Cactaceae) durante il quale gli stomi si aprono durante la notte.
1 Camara (Mirbel)de Candolle
E' un frutto (legume) indeiscente o tardivamente deiscente, costituito da un solo carpello, con pericarpo ben distinguibile, coriaceo, secco o leggermente carnoso e semi liberi secchi e internamente carnosi.
(Es: Psolarea, Trifolium, Medicago, Litchi, ecc.).
1 Camaretum Spjut (mod.nov.)
Frutto multiplo con frutticini (apocarpi) secchi, indeiscenti, con diversi semi liberi dal pericarpo.
E' un aggregato di camare.
1 Camarium Spjut (mod.nov.)
Frutto schizocarpico indeiscente o tardivamente deiscente, costituito da frutticini (camare) concresciuti nell'ovario che si separano a maturità e possono a loro volta essere indeiscenti e contenere più semi, oppure irregolarmente deiscenti e contenere un solo seme.
1 Tessuto meristematico, costituito da cellule giovani, posto tra lo xilema e il floema, nei fusti legnosi delle gimnosperme e nelle dicotiledoni. Queste cellule, all’inizio della stagione vegetativa, si moltiplicano e successivamente differenziandosi, formano xilema e floema secondario.
- 0 Sinonimo di Fellogeno.Tessuto meristematico secondario della corteccia adibito alla produzione di Sughero o Fellema esternamente e Felloderma internamente.
- 0 Secondo il sistema Raunkiær sono piante terrestri le cui gemme o apici vegetativi, destinati a resistere alla stagione sfavorevole, restano prossime al suolo o poco al di sopra (meno di 30 cm ). E' la situazione predominante nei climi freddi e secchi dove queste piante riescono a svernare grazie alla maggior temperatura del terreno e alla protezione della neve che le ricopre. Rappresentano il 9% della flora mondiale.
Vengono suddivise in:
Ch frut Camefite fruticose. Piante perenni con fusti legnosi, ma di modeste dimensioni con portamento arbustivo.
Ch pulv Camefite pulvinate. Piante poco sviluppate in altezza a forma tondeggiante con portamento a cuscinetto.
Ch rept Camefite reptanti. Piante con gemme perennanti aderenti al suolo, con portamento strisciante.
Ch scap Camefite scapose. Piante con fusto allungato, spesso privo di foglie e almeno parzialmente legnoso.
Ch succ Camefite succulente. Piante di ambienti aridi, con foglie o fusti, o tutti e due, adattati a immagazzinare riserve d'acqua.
Ch suffr Camefite suffruticose. Piante con fusti legnosi solo alla base, generalmente di piccole dimensioni.
Ch thall Camefite tallofitiche (muschi, licheni).
1 Si dice di corolla (o calice) a forma conica, come di campana. (Es. Campanula).
1 Termine che secondo Hickey, L. J. 1973, definisce la nervatura delle foglie con numerose nervature primarie o loro rami, che si originano in un singolo punto e si sviluppano formando degli archi ricurvi, prima di convergere verso l'apice.
1 Riferito alla posizione dell'ovulo rispetto al funicolo, si ha quando l'ovulo di ripiega su verticalmente su se stesso in modo da trovarsi vicino a funicolo e calaza.(es. Brassicaceae, Chenopodiaceae e Caryophyllaceae)
1 Termine che secondo Hickey, L. J. 1973, definisce la nervatura delle foglie pennate (con una singola nervatura centrale) che ha i nervi secondari che non terminano al margine. Si distinguono:
1) Brochidodroma: con i nervi secondari che si congiungono nei pressi del margine formando una serie di archi prominenti.
2) Eucamptodroma: con i nervi secondari incurvati che diminuiscono gradualmente verso l'alto vicino al margine, diventando indistinti.
3) Reticolodroma: con le nervature secondarie che perdono la loro identità nei pressi del margine per ripetute ramificazioni, formando un reticolo denso.
4) Cladodroma: con le nervature secondarie liberamente ramificate nei pressi del margine.
- 0 Condotto tubulare cavo che ha funzione di trasporto di liquidi, latice e gas in diversi organi vegetali.
1 Organo vegetale (fusto, foglia, seme, ecc) percorso da una o più costolature cilindriche (solchi) a forma di piccoli canali.
1 Organo vegetale (fusto, foglia o fiore) che diventa biancastro.
- 0 Impollinazione effettuata da coleotteri in fiori grandi, rossi, verdi o bruni, con odore forte ( es. Philodendron, Rosa, alcune Apiaceae, ecc.)
2 Dicesi di un organo lungo e molto sottile (sin. capilliforme) come ad es. le foglie di asparago.
- 0 Complesso di giovani radici provviste di peli assorbenti.
2 (sin. Capitozzato) Dal latino caput, capitis = testa.
Dicesi di organo che termina con una forma globosa simile ad una testa.
- 0 (Capituliformis) dicesi di infiorescenze che hanno la forma o somigliano a quella del capolino (capitulum = piccola testa)
Tra le diverse infiorescenze che vengono descritte con questo epiteto sono:
Verticillastri: Thymus, Tymbra
Spighe: Cytinus - Pedicularis
Spiga di spighe: Carex (sect. Cyperoideae)
Racemi: Genista, Veronica, Trifolium, Astragalus scorpioides
Glomeruli: Juncus capitatus
Cime: Asperula hirta
Fascetti ascellari: Daphne cneorum
e ancora: Adoxa moscatellina, Lonicera etrusca, Lonicera periclymenum, ecc.

Alcune specie botaniche e micologiche hanno assunto questo epiteto:
Campanulaceae - Phyteuma capituliforme Rochel
Geraniaceae - Pelargonium capituliforme R.Knuth
Cyperaceae - Carex capituliformis Meinsh. ex Maxim.
Rubiaceae - Danais capituliformis Homolle
Rutaceae - Agathosma capituliformis D??mmer
Begoniaceae - Begonia capituliformis Irmsch
Acanthaceae - Lepidagathis capituliformis Benoist
Dichotomosiphonaceae - Avrainvillea capituliformis T.Tanaka
Rhodomelaceae - Palisada capituliformis (Yamada) K.W.Nam
Chaconiaceae - Olivea capituliformis (Henn.) Arthur
1 (Capitulum) Infiorescenza globosa od ovoide,formata da tanti piccoli fiori tutti uguali, sessili o con un peduncolo più breve del fiore stesso, inseriti fittamente su un ingrossamento del peduncolo detto ricettacolo.
1 Capsiconum Spjut (mod.nov)
Frutto composto con frutticini deiscenti, pluricarpellari tipo capsula (Es:Salicaceae)
1 Frutto semplice secco, deiscente, composto da più di un carpello e che a maturità  disperde i semi attraverso aperture del pericarpo di vario tipo.
1 Denticidal capsule (L.C.Richard) Radford
Frutto capsulare che deisce solo in alto, attraverso un giro di denti, formati da suture regolari ma incomplete, lunghe al massimo 1/5 della lunghezza della capsula.
(Es: Cyclamen hederifolium, Saponaria officinalis, Lythrum salicaria, ecc.)
1 Fissuricidal capsule (Mirbel)Spjut - Sin. Capsula acrocida.
Capsula che si apre irregolarmente con una o più fenditure parallele, o regolarmente lungo suture lineari dalla base all'apice.
1 Foraminicidal capsule (L.C.Richard,)Beck - (Sin. Capsula anomalicida).
Capsula che deisce con fenditure irregolari divergenti.
1 Loculicidal capsule (L.C Richard) Caruel
Frutto a capsula che si apre completamente lungo le nervature mediane (suture dorsali) dei carpelli, le valve rappresentano le due metà dei carpelli adiacenti. (Es: Impatiens, Hibiscus, Pittosporum tobira, Tamarix gallica, ecc.)
1 Poricidal capsule (Sachs)
Capsula che si apre attraverso pori, posti in punti determinati della parete dei carpelli.
1 Septicidal capsule (L.C.Richard) - (Sin. Capsula ventricida Beck).
Capsula che deisce da una fenditura nella linea di saldatura ventrale del carpello.
1 Septifragal capsule (L.C.Richard) Caruel
Capsula che si apre incompletamente lungo le suture dorsali o ventrali dei carpelli, per rottura dei setti interni vicini all'asse centrale persistente del frutto ancora visibile dopo l'apertura delle valve.
(Es: Rhododendron, Ipomoea)
1 Carcerulus Mirbel
Frutto semplice, indeiscente, con più di un carpello, spesso, solido, non facilmente schiacciabile, con uno o più semi racchiusi nel pericarpo indifferenziato.
E' una sorta di capsula indeiscente.
1 Struttura formata da una coppia di petali che più o meno saldati tra loro per il margine inferiore, somigliano alla chiglia di una nave. Es. fiori delle leguminose e consimili.
3 Organo o parte di esso che ha un aspetto simile alla carena di una nave.
Nella foglia si verifica quando a un solco longitudinale nella pagina superiore corrisponde un angolo sporgente nella pagina inferiore.
- 0 Sinonimo di marciume. Decomposizione del legno causata da funghi o altri organismi (carie di origine organica).
- 0 o mitosi. Processo di divisione del nucleo nella divisione cellulare.
1 Corolla attinomorfa con 5 petali patenti, unghie lunghe dentro un lungo tubo cilindrico, (Dianthus, Silene)
- 0 Settore della citologia che studia i le proprietà del nucleo cellulare e i relativi caratteri.
1 Caryopsis (L.C.Richard)
Termine generico applicato al frutto delle Graminae, monospermo, secco o carnoso, con un sottile pericarpo aderente al testa del seme e con esso fuso soltanto nella regione ilare, raramente disperso come frutto.
Simile all'achenio, ma con pericarpo non distinguibile dal seme, se non con un grande ingrandimento.
- 0 Schema dei cromosomi di una cellula, ordinati secondo i loro caratteri morfologici.
- 0 Di estratti, sostanze o medicamenti cui si attribuiva la capacità di promuovere l’espulsione di gas presenti nel tratto gastro-intestinale.
1 Il carminio è un pigmento rosso scuro e profondo ricavato dall’essicazione di una cocciniglia (Dactylopius coccus), costituito dall’acido carminico mescolato con altre sostanze, che viene usato come base per la fabbricazione di coloranti rossi utilizzati in pittura, nell’industria tessile, alimentare (E120) e cosmetica.
Il termine e sue derivazioni hanno dato il nome ad acune specie botaniche e micologiche.

Carmineus: Babiana carminea, Echeveria carminea, Gypsophila carminea, Metrosideros carminea, Micromeria carminea, Oxalis carminea, Rebutia carminea, Tillandsia carminea, Veronica carminea,Geranium carmineum, Gallium carmineus, Gladiolus carmineus, Habranthus carmineus.
Lepiota carminea, Phillipsia carminea, Trogia carminea, Lactifluus carmineus, Phylloporus carmineus

Carminascens: Lactarius carminascens
Carminescens: Agaricus carminescens, Leucoagaricus carminescens
Carminicolor: Entoloma carminicolor
Carminis: Marasmius carminis, Mycena carminis
Carminoviolaceum: Penicillium carminoviolaceum
1 Che ha il colore della carne.
2 Colore carnicino con numerose tonalità che mescolandosi con altre tinte, ha dato il nome a specie botaniche e micologiche.

Carneus: Amaranthus carneus, Aster carneus, Ophiobolus carneus, Pachyphlodes carneus, Rhodostachys carneus, Cactus carneus, Dianthus carneus, Convolvulus carneus, Cytisus carneus, Cylindrolobus carneus, Rubus carneus, Gladiolus carneus, Mesembryanthemum carneum, Allium carneum, Calostemma carneum, Nerium carneum, Chrysanthemum carneum, Gnaphalium carneum, Hieracium carneum, Tanacetum carneum, Thlaspi carneum, Aethionema carneum, Hypericum carneum, Rhododendron carneum, Erodium carneum, Pelargonium carneum, Ribes carneum, Hippocastanum carneum, Hedysarum carneum, Lilium carneum, Linum carneum, Abutilon carneum, Melastoma carneum, Epidendrum carneum, Polygonum carneum, Androsace carnea, Aloe carnea, Amaryllis carnea, Amorphophallus carnea, Bromelia carnea, Buddleja carnea, Mammillaria carnea, Canna carnea, Silene carnea, Ipomoea carnea, Sanseveria carnea, Balsamina carnea, Scilla carnea, Salvia carnea, Onobrychis carnea Ononis carnea, Vicia carnea, Psolarea carnea, Eucalyptus carnea, Goodyera carnea, Polystachya carnea, Bistorta carnea, Anagallis carnea, Primula carnea, Rosa carnea, Spiraea carnea, Bartsia carnea, Digitalis carnea, Orobanche carnea, Veronica carnea, Verbena carnea, Rugosomyces carneus, Rhodofomes carneus, Rhodofomes carneus, Polyporus carneus, Uromyces carneus,Hydnangium carneum, Phaeohelotium carneum, Clavaria carnea, Calocybe carnea, Aegerita carnea, Botrytis carnea, Leptonia carnea, Pezicula carnea, Phyllachora carnea, Stictis carnea, Ustilago carnea

Carnicolor: Echeveria carnicolor, Cotyledon carnicolor, Eria carnicolor, Liparis carnicolor, Pinalia carnicolor, Collybia carnicolor
Carneicolor: Collybia carneicolor, Marasmius carneicolor
Carneoalbidus: Biatora carneoalbida, Pertusaria carneoalbida
Carneoalbus: Oomyces carneoalbus, Aderkomyces carneoalbus, Cortinarius carneoalbus, Oomyces carneoalbus, Mollisia carneoalba, Tremella carneoalba
Carneobrunnellus: Pluteus carneobrunneolus, Entoloma carneobrunneum, Arthopyrenia carneobrunneola
Carneobrunneus: Agrocybe carneobrunnea
Carneocinereus: Bacidia carneocinerea
Carneocolor: Tremella carneocolor
Carneoflavidus: Tricholoma carneoflavidum, Laetinaevia carneoflavida
Carneoflavus: Cantharellus carneoflavus
Carneofuscus: Dothichiza carneofusca, Mycena carneofusca
Carneoglaucus: Bacidia carneoglauca
Carneogriseum: Entoloma carneogriseum, Skeletocutis carneogrisea, Cleistocybe carneogrisea
Carneoisabellinus: Lactarius carneoisabellinus
Carneoluteus: Cryptolechia carneolutea, Pertusaria carneolutea
Carneolus: Vaccinium carneolum, Calcitrapa carneola, Centaurea carneola, Erica carneola, Clitopilus carneolus, Cortinarius carneolus, Lachnum carneolum, Kurtia argillacea, Naeviopsis carneola, Ramularia carneola,Cladonia carneola, Pachyphiale carneola, Clavulinopsis carneola, Junghuhnia carneola, Pholiota carneola
Carneoniger: Marasmius carneoniger, Trametes carneonigra
Carneoniveus: Anzina carneonivea, Lecidea carneonivea
Carneopallens Lecanora carneopallens, Physisporinus carneopallens, Pannaria carneopallens, Physisporinus carneopallens

2 In botanica dicesi di piante che vivendo su substrati poveri di sostanze nutritive (azoto), sopravvivono ricavando i nutrienti da piccoli insetti, che riescono a catturare e digerire grazie a particolari trappole e ghiandole posizionate sulle loro foglie modificate.
1 Che ha la consistenza morbida e succosa della carne. Dicesi di piante o parti di esse che conservano all'interno dei tessuti consistenti quantità di acqua.
- 0 Pigmento naturale di colore rosso vermiglio o rosso aranciato, del gruppo dei carotenoidi, contenuto nei plastidi dei petali di alcuni fiori, frutti e nella radice della carota.
- 0 (Dal greco karpos = frutto). Organo femminile del fiore, è una delle foglie fertili metamorfosate del gineceo che contiene gli ovuli.
Nelle Angiosperme uno o più carpelli costituiscono un apparato chiuso (il pistillo).
Nelle Gimnosperme i carpelli (foglie carpellari) sono aperti e portano gli ovuli esposti.
1 Prolungamento del ricettacolo costituito da un pedicello che sostiene certi frutti, che si sviluppa alla base dell’ovario dopo la fecondazione.

Nei funghi è sinonimo del corpo fruttifero, cioè l'insieme del gambo, cappello, tubuli, lamelle o aghi.
- 0 (o Spermatocarpo) Pseudofrutto delle Gimnosperme.
E' composto dalle strutture protettive che racchiudono il seme delle Gimnosperme (piante a seme nudo) che non si sviluppa nel carpello, ma tra squame, brattee, arilli, coni, strobili, galbuli.
1 Struttura formata da un anello trasversale di peli posti a protezione dell'ovario, all'interno del tubo calicino di alcune lamiaceae.
1 Organo che ha la consistenza simile a quella della cartilagine.
2 Escrescenza carnosa o coriacea presente in alcuni semi (Ricinus, Viola, ecc.), generalmente ricca di grassi, proteine e sostanze zuccherine che sono assai appetite da alcuni animali (soprattutto formiche) favorendo in tal modo la disseminazione.
1 Pezzo o insieme di pezzi del perianzio, eretti o ricurvi in modo tale da ricordare la forma di un casco militare.
1 Pianta rupestre che vive nelle fessure o nei crepacci delle rocce.
- 0 Fiore che consente l'impollinazione incrociata per il normale schiudersi del perianzio. (Si contrappone a cleistogamo)
1 Sinonimo di Capsula: Frutto secco, deiscente, con una o più logge interne che contengono i semi o il seme che a maturità lascia fuoriuscire attraverso aperture di vario tipo.
2 Tonalità del marrone che tende al rosso, è il colore della buccia della castagna matura.
Molte specie botaniche e micologiche hanno preso il nome da questo colore.

Castaneus: Aster castaneus, Echinop castaneus, Cereus castaneus , Echinocereus casaneus, Cyperus castaneus , Shirpus castaneus , Juncus castaneus, Chrysopogon castaneus , Asplenium castaneum , Gnaphalium castaneum , Taraxacum castaneum, Cynoglossum castaneum , Solanum cstaneum, Sorghum castaneum , Polypodium castaneum , Urophyllum castaneum , Cheilanthes castanea, Aloe castanea, Matelea castanea, Carex castanea, Dryopteris castanea, Salvia castanea, Ficus castanea, Malus castanea, Pyrus castanea, Cryptodiaporthe castanea, Discella castanea, Micropeziza castanea, Tomentella castanea, Lepiota castanea, Fomitopsis castanea, Inoloma castaneum, Limacium castaneum, Phaeohelotium castaneum, Septobasidium castaneum, Cortinarius castaneus, Androsaceus castaneus, Ascobolus castaneus, Cantharellus castaneus, Boletus castaneus, Coprinus castaneus, Dasyscyphus castaneus, Gymnopilus castaneus, Gyroporus castaneus, Lactarius castaneus, Uromyces castaneus

Castanascens: Galerina castanescens, Lepiota castanescens
Castaneibadius: Lactarius castaneibadius
Castaneicolor: Cortinarius castaneicolor, Psathyrella castaneicolor, Psilocybe castaneicolor
Castaneifumosus: Trametes castaneifumosa
Castanellus: Cortinarius castanellus, Cortinarius subcastanellus, Bothia castanella, Deconica castanella
Castaneobrunneus: Boletus castaneobrunneus
Cataneocinereus: Hypocenomyce castaneocinerea
Castaneofulvus: Aoranthe castaneofulva, Randia castaneofulva, Porterandia castaneofulva,Cortinarius castaneofulvus
Castaneofuscus: Melanoleuca castaneofusca
Castaneogriseus: Amanita castaneogrisea
Castaneoides: Cortinarius castaneoides, Inocybe castaneoides, Lecanora castaneoides, Licea castaneoides
Castaneopallens: Cortinarius castaneopallens
Castaneopallidus: Lepiota castaneopallida, Cortinarius castaneopallidus
Castaneoruber: Cortinarius castaneoruber, Verrucaria castaneorubra Castaneoviolaceus: Chaetosphaeria castaneoviolacea
Castanicolor: Marasmius castanicolor
Castanoides: Tylopilus castanoides
Castanopsidis Tubakia castanopsidis, Amanita castanopsidis, Anthostomella castanopsidis, Asteridiella castanopsidis, Boletus castanopsidis, Coccomyces castanopsidis, Coronellaria castanopsidis, Euryachora castanopsidis, Lactarius castanopsidis, Lanzia castanopsidis, Phellinus castanopsidis, Phylloporus castanopsidis, Russula castanopsidis, Sarcinella castanopsidis
Albicastaneus: Clitocybe albicastanea, Hygrophorus albicastaneus
Atrocastaneus: Melandrium atrocastaneum, Greigia atrocastanea, Guzmania atrocastanea, Silene atrocastanea, Cyathea atrocastanea, Marasmius atrocastaneus
Rubrocastaneus: Cortinarius rubrocastaneus



- 0 Prefisso di parole composte col significato di "verso il basso", "in basso".
- 0 Reazione metabolica nella quale molecole complesse vengono scisse in molecole più semplici, spesso con rilascio di energia chimica e termica.
- 0 Indeiscenza o irregolare deiscenza che si verifica in un frutto racchiuso in un calice persistente (Chenopodiacee)
- 0 In botanica dicesi di formazione diretta verso il basso o in senso opposto al normale sviluppo di un organo.
Così ad esempio le infiorescenze acrofughe (o basipete) che hanno fioritura ed accrescimento dall'alto verso il basso (i fiori terminali sono più vecchi).
Si contrappone a anadromo.
2 Foglia modificata di aspetto squamiforme, carnosa o papiracea priva di clorofilla, che ha funzione protettiva, propria dei bulbi e delle gemme (perule).
Nel bulbo della cipolla i catafilli interni, carnosi, assolvono anche a funzioni di riserva.
- 0 Purgante non troppo violento.
- 0 (Catena vegetazionale). Comunità vegetali indipendenti e contigue tra loro, che si distribuiscono spazialmente per il variare di qualche fattore ambientale.
1 Catoclesium Desvaux
Frutto composto con frutticini indeiscenti, inclusi all'interno di foglie o brattee o fusi con parti del perianzio.
1 Dicesi di organo vegetale (frutti della Clematis vitalba, antere del Cardus, denti delle foglie di Acer platanoises, ecc.) provvisto di un prolungamento sottile simile ad una piccola coda.
1 (o Caudex) Fusto tozzo e allargato, a forma di fiasco, spesso parzialmente interrato, non ramificato, che ha funzione di organo di riserva.
Caudiciformi sono le piante dotate di caudice.
1 Struttura filamentosa che sostiene il pollinio, presente in alcune piante (Orchidaceae, Asclepiadaceae)
2 è sinonimo di Fusto.
Costituisce la parte assile della pianta, quella cioè che sostiene le foglie e si raccorda con la radice. Puo essere:
arboreo, quando ha altezza superiore ai 5 metri e un asse principale
legnoso, grosso, massiccio (il tronco) che prevale sulla massa dei rami;
arbustivo, quando è legnoso, ramificato fin dalla base, inferiore a 5 metri di altezza;
erbaceo, quando non è legnoso ma, in genere, tenero e verde.
1 Fornito di fusto aereo ben visibile.
1 Dicesi di pianta cauliflora, che porta sul fusto o su rami vecchi, frutti oltre che i fiori. (Cacao, carrubo)
- 0 (o fusticino) parte dell'embrione della plantula germinata delle Fanerogame che comprende:
epicotile, cotiledoni, ipocotile, radicula.
1 Si dice di pianta legnosa che produce fiori sul tronco o su rami vecchi.
1 (o Caulino) Relativo al fusto aereo. Es. Le foglie caulinari si sviluppano sul fusto.
- 0 Che ha origine dal caule, come i fiori del carrubo o le radici di molte graminacee (Zea, Triticum).
- 0 Organo con al suo interno uno o più spazi vuoti.
- 0 Forma di governo di un bosco, in cui la sostituzione del soprassuolo avviene con polloni originati, dopo il taglio delle piante, da gemme della ceppaia.
1 Struttura subglobosa di peli lanosi che supporta fiori e frutti in alcune specie di cactus (Melocactus).
- 0 È la più piccola entità fondamentale di un organismo vivente, in grado di funzionare e riprodursi autonomamente
- 0 Polisaccaride formato da molecole di glucopsio, disposte in catene lunghe rette e insolubili, che si trova nelle membrane delle cellule vegetali.
- 0 Formazione di frutti senza semi o con semi senza embrione (Musa. Populus)
- 0 Gineceo con i carpelli saldati e concresciuti, (sin. gamocarpico)
- 0 Dicesi di frutto composto derivato da più fiori di un'infiorescenza con l'intervento di parti non carpellari, (sin. di sorosio e sincarpo).
- 0 Insieme delle specie animali o vegetali che vivono in un determinato ambiente.
- 0 Formazioni vegetali che hanno raggiunto uno stadio di maturazione oltre al quale non possono evolversi e quindi non possono raggiungere lo stadio di climax.
1 Foglie a simmetria radiale, caratteristiche di molte pinacee, sono aghiformi e uninervie, una sola nervatura centrale che puo' contenere uno o due fasci cribrovascolari senza ramificazioni, epidermide pluristratificata e spesso cerificata con stomi infossati. Strutture che consentono di superare lunghi periodi in stagioni particolarmente rigide.
1 Dicesi di un'infiorescenza che sviluppa i suoi fiori prima al centro vicino all'asse centrale e successivamente alla periferia, i fiori centrali sono più vecchi. Vedasi le infiorescenze cimose.
1 Infiorescenza che sviluppa i suoi fiori dalla periferia al centro, i fiori più vecchi sono in periferia.
- 0 Dicesi della parte del fusto e della radice che resta nel terreno dopo il taglio della pianta in prossimità del suolo.
- 0 Termine generico per qualsiasi pezzo di legno grosso e corto. Il termine a volte è usato come sinonimo di ceppaia.
1 Col sinonimo di pruina è una sostanza prodotta dalle cellule epidermiche che svolge una funzione protettiva. .
1 Colore rosso purpureo con tonalità varibili dal profondo al luminoso proprio come quello del frutto del ciliegio (Prunus cerasus) da cui deriva il nome. Alcune specie botaniche e micologiche sono state nominate con questo epiteto.

Cerasinus/a/um: Berberis cerasina, Lonicera cerasina, Eugenia cerasina, Myrtus cerasina, Passiflora cerasina, Amygdalus cerasina, Crataegus cerasina, Talisia cerasina, Rhododendron cerasinum, Astragalus cerasinus, Corybas cerasinus, Sapindus cerasinus,
Diatrype cerasina, Helvella cerasina, Mycena cerasina, Mycosphaerella cerasina, Pholiota cerasina, Russula cerasina, Tephromela cerasina, Cryptosporium cerasinum, Agaricus cerasinus, Boletellus cerasinus, Hygrophorus cerasinus
1 Ceratium Lindley
Sorta di capsula deiscente per distacco e slittamento degli strati interni del pericarpo.
È il frutto del Papaver rhoeas
1 (o anelli annuali)rappresentano le zone di accrescimento del dusto rilevabile col taglio trasversale dei tronchi o meno invasivamente con attrezzi atti ad estrarne una carota.
Ogni anello è formato da un settore esterno scuro e compatto (legno autunnale) ed un’altro più chiaro interno (legno primaverile). Dal numero e dalla larghezza degli anelli si può rilevare l’età e lo stato di salute della pianta, nonché  l’andamento delle stagioni (piovosità e clima).
La struttura ad anelli è prodotta dall’attività annuale del cambio nelle Dicotiledoni legnose, e segue l’alternarsi delle stagioni; è tipica perciò degli alberi dei climi temperati e temperato-freddi mentre manca in quelli che crescono ai tropici o all’equatore.
1 Colore giallo ocra simile a quello della cera.

Cereus: Cypripedium cereus, Peziza cerea, Ribes cereus
Ceraceus: Hygrocybe ceracea, Cerinomyces ceraceus, Hygrophorus ceraceus, Cortinarius ceraceus
Cereolus: Pilophorus cereolus
Cerinus: Caloplaca cerina, Encephalartos cerinus
Cerodes: Naucoria cerodes, Lecanora cerodes.
1 Dicesi di un organo reclinato verso il terreno (a capo chino) come il fiore dei ciclamini.
1 Come sinonimo di pruinoso si riferisce ad un organo (foglie, fusto, frutto, ecc.,) rivestito da uno strato di cera che svolge un'azione protettiva, impermeabilizzante.
1 Termini che identificano una gamma di colore tra il marrone e il giallo, come quello del manto dei cervi, che in botanica e micologia, anche insieme ad altre tinte, sono usati per definire alcune specie.

Cervinus: Elephantopus cervinus, Erigeron cervinus, Haplopappus cervinus, Aragallus cervinus, Lotus cervinus, Lupinus cervinus, Apocynum cervinum, Liabellum cervinum, Odontotrichum cervinum, Psacalium cervinum, Pulegium cervinum, Leucadendron cervinum, Ericameria cervina, Sinclairia cervina, Allocarya cervina, Scleria cervina, Mentha cervina, Ficus cervina, Eugenia cervina, Osmunda cervina, Hakea cervina, Psychotria cervina, Ascobolus cervinus, Pluteus cervinus, Aspergillus cervinus, Cortinarius cervinus, Hypomyces cervinus, Marasmius cervinus, Rhopalomyces cervinus, Arnium cervinum, Entoloma cervinum, Hydnum cervinum, Ganoderma cervinum, Schizothecium cervinum, Stilbodendron cervinum, Acarospora cervina, Disciseda cervina, Galactinia cervina, Geopora cervina, Lachnellula cervina, Lecanora cervina, Propolina cervina, Trametopsis cervina, Trogia cervina, Zeora cervina
Cervarius: Inoloma cervarium, Pseudombrophila cervaria, Athamanta cervaria, Selinum cervaria, Ligusticum cervaria, Peucedanum cervaria, Puccinia cervariae, Rhabdospora cervariae
Cervicolor: Asterostroma cervicolor, Boletus cervicolor, Inocybe cervicolor, Irpex cervicolor, Lecidea cervicolor, Lachnea cervicolor, Lepiota cervicolor, Septobasidium cervicolor
Cervinicolor: Cortinarius cervinicolor, Gymnopus cervinicolor
Cervinulus: Bryopogon cervinulus, Alectoria cervinula, Pyrenopeziza cervinula, Verrucaria cervinula

Cervinialbus: Mycena cervinialba
Cervinococcineus: Chalciporus cervinococcineus
Cervinoalbus: Lachnocladium cervinoalbum, Crinipellis cervinoalba
Cervinocupreus: Amylora cervinocuprea
Cervinofuscus: Catillaria cervinofusca, Lecidea cervinofusca
Cervinogilvus: Oxyporus cervinogilvus
Cervinoporphyreus: Cortinarius cervinoporphyreus

1 Elemento chimico e più precisamente un metallo alcalino col simbolo Cs.
Il termine cesio viene usato per indicare anche una tonalità del colore azzurro come grigio chiaro, azzurrognolo, azzurro glauco (verde-azzurro)
1 Dicesi di pianta costituita da numerosi steli, foglie o fiori che derivano da un'unica radice o sono strettamente uniti.
- 0 Diffusione naturale o artificiale di cespugli considerata soprattutto ai fini della protezione del terreno contro l'erosione.
- 0 Abbreviazione del termine latino confer col significato di affianca, confronta, usata prima del binomio quando è incerta l'identificazione. Viene usata anche aff.
- 0 Abbreviazione del termine latino confer col significato di confronta, che nella nomenclatura botanica viene usato al termine di un binomio, quando non si è sufficientemente certi della corretta identificazione del soggetto. Ciò per i motivi più vari, che possono dipendere dalla carenza di particolari significativi e diacritici o anche dalla presenza di alcuni caratteri che inducono qualche dubbio sulla corretta corrispondenza del binomio.
- 0 Fenomeno per cui a causa di uno stimolo chimico vengono prodotte nelle piante deviazioni morfologiche o neoformazioni.
- 0 Movimento nastico di vegetali in risposta ad uno stimolo chimico. (Vedi nastia)
1 La parte superiore di un albero o di una pianta legnosa che porta la porzione principale dei rami e delle foglie e che sovrasta il fusto.
3 Chlorus è un elemento chimico il cui nome deriva dal greco “χλωρός chlorόs” verde-giallo, che contraddistingue le tonalità del suo colore.
Numerose sono le specie botaniche e micologiche, che hanno preso il nome dalla combinazione di chlorus con altri colori:

Chlorus: Russula chlora, Peziza chlora
Chlorascens: Aucuba chlorascens , Bulbophyllum chlorascens, Peziza chlorascens, Hydnum chlorascens, Lachnella chlorascens, Agaricus chlorascens
Chlorinus: Caloplaca chlorina, Rosa chlorina, Passiflora chlorina, Stelis chlorina, Specklinia chlorina
Chloroalbus: Graphis chloroalba
Chlorochrous: Parmelia chlorochroa
Chlorocyaneus: Astragalus chlorocyaneus , Arrhenia chlorocyanea. Billbergia chlorocyanea Chlorofuscus: Arthothelium chlorofuscum
Chloroides: Hieracium chloroides, Sabatia chloroides , Russula chloroides, Entoloma chloroides, Hygrocybe chloroides, Lactarius chloroides
Chloroleucus: Echinops chloroleucus , Dianthus chloroleucus , Rubus chloroleucus , Urceolaria chloroleuca, Agaricus chloroleucus, Buddleja chloroleuca
Chlorolivaceus: Nolanea chlorolivacea, Entoloma chlorolivaceum
Chloromelaenus: Porina chloromelaena, Spermatodium chloromelaenum
Chlorophaeus: Phyllanthus chlorophaeus, Astragalus chlorophaeus, Coelogyne chlorophaea, Cladonia chlorophaea, Galactinia chlorophaea, Peziza chlorophaea
Chlorophanus: Salix chlorophana, Hygrocybe chlorophana, Agaricus chlorophanus
Chloroplumbeus: Kneiffia chloroplumbea
Chloroticus: Scirpus chloroticus, Juncus chloroticus, Bromus chloroticus, Rubus chloroticus, Castilleja chlorotica, Bacidia chlorotica, Lecania chlorotica, Mycena chlorotica, Peziza chlorotica, Agaricus chloroticus
Chloroxanthus: Polyalthia chloroxantha, Impatiens chloroxantha, Grevillea chloroxantha, Agaricus chloroxanthus, Mycena chloroxantha, Entoloma chloroxanthum
Chrysochlorus: Astragalus chrysochlorus
Melanochlorus: Discocactus melanochlorus, Philodendron melanochlorum
Xanthochlorus: Eupatorium xanthochlorum, Ornithogalum xanthochlorum

1 Colore giallo arancione con numerose gradazioni e sfumature, come quello dell'oro.

Chryseus: Anethum chryseum, Bulbophyllum chryseum, Peucedanum chryseum
Chrysargyrum: Helichrysum chrysargyrum
Chrysellus: Polyporus chrysellus
Chrysites: Axonopus chrysites, Carex chrysites, Hieracium chrysites , Panicum chrysites, Paspalum chrysites, Gymnopilus chrysites, Polyporus chrysites
Chrysochlorus: Astragalus chrysochlorus
Chrysoleucus: Lecanora chrysoleuca
Chrysomelinus: Cyperus chrysomelinus
Crysophaeus: Pluteus chrysophaeus
Chrysoprasius: Pluteus chrysoprasius
Chrysoberyllus: oro pallido
Chrysos: oro
Chrysochrous: color oro
Chrysolampis: oro brillante
Chrysomelanus: oro scuro
1 E' il colore con parti uguali di verde e blu.
- 0 Che ha forma di coppa o bichiere, come alcuni calici, corolle o altri organi vegetali.
1 (o Ciato) Infiorescenza cimosa molto raccorciata, simulante un singolo fiore, tipica delle Euforbie, dove su un ricettacolo a coppa sono poste delle ghiandole nettarifere con forme diverse (ellittiche, a mezzaluna ecc), e, all'interno, degli stami,ciascuno rappresentante un singolo fiore maschile, attornianti un singolo fiore femminile rappresentato da un ovario tricarpellare sincarpo con 3 stili e 6 stigmi.
2 Si dicono ciclici o verticillati gli organi come foglie, brattee ecc. disposti in cicli cioè inseriti su un’asse a due o più per ogni nodo.
Fiore ciclico è quello che ha tutti i pezzi in cicli cioè è composto da più verticilli sovrapposti calice – corolla- androceo – gineceo come nelle Liliaceae).
Al contrario il fiore aciclico ha tutti gli elementi disposti lungo una spirale ( Helleborus)
e il fiore emiciclico ha elementi solo in parte spiratati (come Anemone, Ranunculus che hanno gli elementi del perianzio verticillati mentre stami e carpelli spiratati).
- 0 Relativamente ad una specie è costituito dall'insieme degli eventi e degli stadi che si verificano nei suoi componenti a partire da un determinato evento fino al ripetersi dello stesso evento nei suoi discendenti.
- 0 Dicesi del ciclo vitale di un singolo individuo che comprende tutti gli stadi (crescita, riproduzione, senescenza) dallo sviluppo della prima cellula sino alla morte.
1 Provvisto di ciglia.
Dicesi generalmente di cellule, del margine di una foglia o di un altro organo vegetale che presentano peli disposti su una linea, somiglianti alle ciglia degli occhi.
1 Margine di una foglia dentata nel quale ciascun dente termina con un pelo che ricorda un ciglio dell'occhio.
1 Infiorescenza definita di aspetto corimboso o ombrelliforme con ramificazioni di diversa lunghezza, in cui tutti i peduncoli sono ramificati e terminano con un solo fiore.
Cima unipara o monocasio, con un solo asse sotto il fiore terminale.
Cima bipara o dicasio, quando l'asse principale che termina con un fiore, sviluppa in corrispondenza di due brattee sottostanti, due ramificazioni secondarie che continuano a crescere ed a dividersi.
Cima multipara o pleiocasio o botrioide se l'asse principale che termina con un fiore, sviluppa in un verticillo, sotto al fiore terminale 3 o più ramificazioni secondarie
- 0 La parte più alta della chioma; normalmente quella parte composta da parti legnose di piccole dimensioni non utilizzabili.
1 A forma di scafo o barchetta, cioè oblungo, concavo da un lato e convesso dall'altro.
(Dicesi di seme, petalo, foglia, spata, ecc)
1 Infiorescenza semplici definite in cui le ramificazioni secondarie sono lunghe quanto o più delle primarie. (Vedi cima)
2 Particolare cima unipara scorpioide con fiori che si sviluppano alternativamente all'ascella di brattee fertili, a destra e a sinistra (a zig-zag) dell'asse madre, dallo stesso lato rispetto all'asse madre, ma su due piani distinti.
2 Colore grigio più o meno chiaro come quello della cenere, che con le sue varie tonalità e mescolandosi con altre tinte ha dato il nome ad alcune specie botaniche e micologiche.

Cinereus: Coprinus cinereus, Leymus cinereus, Cantharellus cinereus, Gallium cinereum, Festuca cinerea, Geranium cinereum, Erica cinerea, Eriocaulon, Genista cinerea, Helianthemum cinereum, Juglans cinerea, Potentilla cinerea, Salix cinerea, Agaricus, Boletus cinereus, Cortinarius cinereus, Cyatus cinereus, Hygrophorus cinereus, Lactarius cinereus
Cinerascens: Leucoagaricus cinerascens, Actinidia cinerascens, Agave cinerascens, Achillea cinerascens, Carduus cinerascens, Centaurea cinerascens, Conyza cinerascens, Erigeron cinerascens, Hieracium cinerascens, Senecio cinerascens, Solidago cinerascens, Lithospermum cinerascens, Myosotis cinerascens, Onosma cinerascens , Clitocybe cinerascens
Cineraceus: Rubus cineraceus, Cortinarius cineraceus
Cineracius: Crocus cineracius
Cinerarius: Mycena cineraria, Pertusaria cineraria, Psathyrellacineraria, Usnea cineraria, Senecio cinerarius, Cymopterus cinerarius
Cinerella: Micena cinerella
Cinereobrunneolus: Cortinarius cinereobrunneolus
Cinereobrunneus: Cortinarius cinereobrunneus
Cinereofuscus: Pluteus cinereofuscus
Cinereoroseolus: Cortinarius cinereoroseolus
Cinereoviolaceus: Russula cinereoviolacea, Cortinarius cinereoviolaceus
Cinereoviolascens: Cortinarius cinereoviolascens
Cinerosus: Hieracium cinerosum, Rosa cinerosa, Rubus cinerosus
Atrocinereus: Salix atrocinerea, Agaricus atrocinereus
Caesiocinereus: Aspicilia caesiocinerea
Glaucocinereus: Bovista glaucocinerea
Rubrocinereus: Cortinarius rubrocinereus
Vinaceocinereus: Cortinarius vinaceocinereus

1 Il cinabro è un minerale dal quale si estrae un pigmento rosso scarlatto brillante (solfuro di mercurio) che prende il nome dal minerale stesso.
Cinnabarinus ha dato il nome a specie botaniche e micologiche sotto indicate.

Cinnabarinus: Haemanthus cinnabarinus, Cereus cinnabarinus, Disocactus cinnabarinus, Echinocactus cinnabarinus, Heliocereus cinnabarinus, Centropogon cinnabarinus, Dianthus cinnabarinus, Phaseolus cinnabarinus, Elleanthus cinnabarinus, Cotoneaster cinnabarinus, Odontophyllum cinnabarinum, Eranthemum cinnabarinum, Steriphoma cinnabarinum, Rhododendron cinnabarinum, Cremosperma cinnabarinum, Dipcadi cinnabarinum, Diporidium cinnabarinum, Dendrobium cinnabarinum, Epidendrum cinnabarinum, Oncidium cinnabarinum, Crossandra cinnabarina, Aloe cinnabarina, Gomphrena cinnabarina, Aristolochia cinnabarina, Impatiens cinnabarina, Begonia cinnabarina, Guzmania cinnabarina, Echinopsis cinnabarina, Canna cinnabarina, Tritonia cinnabarina, Salvia cinnabarina, Tulipa cinnabarina, Ficus cinnabarina, Liparis cinnabarina, Maxillaria cinnabarina, Neottia cinnabarina, Ophrys cinnabarina, Spiranthes cinnabarina, Passiflora cinnabarina, Pyrus cinnabarina, Rosa cinnabarina, Erythranthe cinnabarina,

Cantharellus cinnabarinus, Cystodermella cinnabarina, Aphanoascus cinnabarinus, Pycnoporus cinnabarinus, Boletus cinnabarinus, Cortinarius cinnabarinus, Crepidotus cinnabarinus, Pycnoporus cinnabarinus, Lentinus cinnabarinus, Calostoma cinnabarinum, Phallus cinnabarinus, Acremonium cinnabarinum, Calostoma cinnabarinum, Fusarium cinnabarinum, Hydnum cinnabarinum, Hypholoma cinnabarinu, Hypoxylon cinnabarinumm, Septobasidium cinnabarinum, Tilachlidium cinnabarinum, Trichosporum cinnabarinum, Arthonia cinnabarina, Brownliella cinnabarina, Pulvinula cinnabarina, Cystodermella cinnabarina, Ramboldia cinnabarina, Buellia cinnabarina, Caloplaca cinnabarina, Cordyceps cinnabarina, Nectria cinnabarina, Cystodermella cinnabarina, Favolaschia cinnabarina, Telligia cinnabarina, Inocybe cinnabarina, Pulvinula cinnabarina, Lenzites cinnabarina, Lepiota cinnabarina, Mycena cinnabarina, Nectria cinnabarina, Brownliella cinnabarina, Ramboldia cinnabarina, Peziza cinnabarina, Pulvinula cinnabarina, Ramboldia cinnabarina, Telligia cinnabarina, Tremella cinnabarina, Xylaria cinnabarina
1 Bruno medio con giallo che tende al rosso o anche marrone e ocra, è il colore del cinnamomo (cannella), che con le sue diverse tonalità e mescolato con altre tinte è stato usato per dare il nome a specie botaniche e micologiche.

Cinnamomeus: Dianthus cinnamomeus, Cyperus cinnamomeus, Scirpus cinnamomeus, Tylostemon cinnamomeus, Loranthus cinnamomeus, Rubus cinnamomeus, Allophylus cinnamomeus, Pipturus cinnamomeus, Adiantum cinnamomeum, Gnaphalium cinnamomeum, Taraxacum cinnamomeum, Aspidium cinnamomeum, Rhododendron cinnamomeum, Ornithogalum cinnamomeum, Ocimum cinnamomeum, Epidendrum cinnamomeum, Oncidium cinnamomeum, Osmundastrum cinnamomeum, Solanum cinnamomeum, Pterospermum cinnamomeum, Cheilanthes cinnamomea, Jamesonia cinnamomea, Notholaena cinnamomea, Amaryllis cinnamomea, Guatteria cinnamomea, Porcelia cinnamomea, Antennaria cinnamomea, Arrabidaea cinnamomea, Bignonia cinnamomea, Carex cinnamomea, Rhynchospora cinnamomea, Dryopteris cinnamomea, Quercus cinnamomea, Laurus cinnamomea, Conostegia cinnamomea, Leandra cinnamomea, Miconia cinnamomea, Ficus cinnamomea, Myrcia cinnamomea, Brassia cinnamomea, Osmunda cinnamomea, Rosa cinnamomea, Salix cinnamomea, Smilax cinnamomea, Celtis cinnamomea, Vitis cinnamomea, Woodsia cinnamomea, Cortinarius cinnamomeus, Cyperus cinnamomeus, Aleurodiscus cinnamomeus, Boletus cinnamomeus, Crepidotus cinnamomeus, Gymnomyces cinnamomeus, Lactarius cinnamomeus, Marasmius cinnamomeus, Paecilomyces cinnamomeus, Pithomyces cinnamomeus, Rhizopogon cinnamomeus, Xerotus cinnamomeus, Physocystidium cinnamomeum , Trichoderma cinnamomeum, Leccinum cinnamomeum, Microglossum cinnamomeum, Physocystidium cinnamomeum, Cephalosporium cinnamomeum, Chaetomium cinnamomeum, Hyphoderma cinnamomeum, Leccinum cinnamomeum, Tritirachium cinnamomeum, Phragmidium cinnamomeum, Psoroma cinnamomeum, Tricholoma cinnamomeum, Aegerita cinnamomea, Antrodia cinnamomea, Antrodiella cinnamomea, Ascosphaera cinnamomea, Caloplaca cinnamomea, Chaetomella cinnamomea, Clavulinopsis cinnamomea, Coltricia cinnamomea, Hymenochaete cinnamomea, Dasyscyphella cinnamomea, Pezicula cinnamomea, Galerina cinnamomea, Gloiocephala cinnamomea, Hymenochaete cinnamomea, Inocybe cinnamomea,Lepiota cinnamomea, Lecidea cinnamomea,Peltigera cinnamomea, Phlebia cinnamomea, Psilocybe cinnamomea, Trappea cinnamomea, Vararia cinnamomea, Xenasmatella cinnamomea

Albocinnamomeus: Psathyrella albocinnamomea, Cerrena albocinnamomea
Cinnameus: Loranthus cinnameus
Cinnamofulvus: Cortinarius cinnamofulvus
Cinnamomeoides: Rosa cinnamomeoides, Cortinarius cinnamomeoides
Cinnamomeovirens: Agaricus cinnamomeovirens
Cinnamomescens: Myxarium cinnamomescens
Cinnamomicolor: Inocybe cinnamomicolor, Agaricus cinnamomicolor
Cinnamomicolus Armatella cinnamomicola, Asterina cinnamomicola, Erysiphe cinnamomicola, Phomopsis cinnamomicola, Puccinia cinnamomicola, Mycosphaerella cinnamomicola
Cinnamomum: Camphorina cinnamomum, Cinnamomum cinnamomum, Laurus cinnamomum, Persea cinnamomum, Sarcomphalus cinnamomum, Ziziphus cinnamomum,Aecidium cinnamomi, Amazonia cinnamomi, Armatella cinnamomi, Artallendea cinnamomi, Ascochyta cinnamomi, Asterina cinnamomi, Corynesporella cinnamomi, Elachopeltis cinnamomi, Elaeodema cinnamomi, Exobasidium cinnamomi, Hemibeltrania cinnamomi, Meliola cinnamomi, Melophia cinnamomi, Microdiplodia cinnamomi, Phomopsis cinnamomi, Phytophthora cinnamomi, Puccinia cinnamomi, Rosenscheldiella cinnamomi, Sphaeria cinnamomi, Uredo cinnamomi.
Cinnamopurpureum: Penicillium cinnamopurpureum
Cinnamoviolaceus: Cortinarius cinnamoviolaceus
Cinnanomeoluteus: Cortinarius cinnamomeoluteus
Cinnanomeopallidus: Micropsalliota cinnamomeopallida
Cinnanomotinctus: Coprinellus cinnamomeotinctus


1 (o Cinorrodonte)
Falso frutto che non deriva dall'ovario, ma dal ricettacolo ingrossato, carnoso, a forma di coppa che contiene al suo interno i veri frutti, gli acheni. E' tipico della rosa.
1 Organo allungato (foglia oblunga)) con bordi più o meno paralleli che somiglia ad una cintura.
1 Cypsela Mirbel - Sin. Achenio
Frutto semplice tipo achenio, derivante da un ovario infero bi-policarpellare sincarpo, con il pericarpo sormontato longitudinalmednte all'apice da reste, peli, squame o setole ed altre simili strutture, derivanti da altre parti fiorali.
- 0 (ritmo). Termine dal latino circa e diem (intorno al giorno)che fa riferimento al ritmo col quale gli organismi ripetono, con una certa regolarità, alcuni processi fisiologici, metabolici e di comportamento nelle 24 ore.
Nel mondo vegetale riguarda i movimenti delle foglie, l'apertura e chiusura degli stomi e delle corolle di alcune piante.
2 Dicesi della prefogliazione (o vernazione) e della fogliolina con accrescimento apicale, che già nella gemma si presenta con la lamina arrotolata trasversalmente, in dentro, dall'alto al basso, con l'apice come centro, come l'estremità del bastone dei vescovi (pastorale).
È tipica delle felci.
- 0 Piante diffuse nelle zone temperate e fredde dell'emisfero boreale.
- 0 Movimento circolare dell'apice di fusti in accrescimento che si verifica specialmente in piante volubili e rampicanti.
1 Dicesi di un frutto deiscente o di una antera che si aprono lungo una linea circolare.
- 0 Organo o organismo che secerne sostanze cerose.
1 Organo prensile, sottile e lungo che consente a piante non volubili, di avvilupparsi a dei sostegni, per arrampicarsi in alto, derivato dalla trasformazione del caule, delle foglie o di radici. Sinonimo di viticcio.
- 0 Incrostazione calcarea che si forma sulla parete cellulare all'interno di alcune cellule.
Appaiono soprattutto nell'epidermide di Moracee , Cucurbitaceae , Acantacee, Urticaceae.
- 0 Divisione o separazione del citoplasma che si verifica nella meiosi o nella mitosi.
- 0 Fitormone vegetale, sintetizzato nel meristema radicale, che promuove la maturazione dei cloroplasti, stimola l'allargamento cellulare, la crescita di gemme ascellari, aumenta il tessuto folgliare, rallenta l'invecchiamento delle foglie.
- 0 E' la scienza che studia la morfologia dei cromosomi, per quanto visibile al microscopio ottico, e il cariotipo, ossia l'insieme dei cromosomi di una cellula.
Solo nel 1956 fu accertata la stabilità del cariotipo, ossia del numero e della strutttura dei cromosomi. Si verificò quindi che le cellule eucariote possono essere aploidi (con un cromosoma per ogni tipo), o diploidi (con due cromosomi per tipo).
Il numero di tipi di cromosomi è definito per ogni specie e si indica con "n": gli assetti aploidi si indicano quindi con n, quelli diploidi con 2n.
- 0 Materia vivente contenuta nella membrana cellulare ad esclusione del nucleo.
1 Sono i colori giallo-verdi con le loro sfumature, propri del cedro e del limone.

Citrellus - Citrellus lanatus, Cucumis citrellus
Citreus - Calocephalus citreus
Citrinellus - Hypomyces citrinellus
Citrinus - Amanita citrina, Bisporeila citrina, Aloe citrina, Rhododendron citrinum, Vesiculomyces citrinus, Geodorum citrinum
Citrinocroceus - Hygrophorus citrinocroceus
Citrinovirens - Hygrocybe citrinovirens
Limonius - Cortinarius limonius.
- 0 abbreviazione di classe (vedi lemma), secondo la raccomandazione del Codice internazionale di nomenclatura per le alghe, funghi e piante (ICN).
1 Termine usato in alcune classificazioni (Cladistica) per individuare tutti gli organismi derivanti da un antenato comune. Ogni clade è quindi rappresentato dall'antenato comune e da tutti i suoi discendenti.
1 Rametto verde e con capacità fotosintetiche, che somiglia ed ha le funzioni di una foglia.
Può avere forma caulinare (asparago), o essere appiattito (fico d'India), o avere aspetto fogliforme (pungitopo), assumendo il nome di fillocladio.
1 Termine che secondo Hickey, L. J. 1973, definisce la nervatura delle foglie pennate Camptodrome che ha i nervi secondari che non terminando al margine, sono liberamente ramificati al di sotto di esso.
- 0 Rappresentazione grafica della derivazione di un certo numero di taxa attuali dai taxa ancestrali.
- 0 Disposizione dei rami sul fusto.
- 0 (o Clamide) Fiore vestito cioè provvisto di almeno uno dei due verticilli (calice o corolla) del perianzio, (contrapposto ad Apoclamidato o Nudo sprovvisto di verticilli).
e si dirà
- Aploclamidato o monoclamidato se ha un solo verticillo
- Diclamidato o eteroclamidato se presenta entrambi i verticilli
- Omoclamidato o omeoclamidato se i due verticilli sono morfologicamente identici (che si chiameranno tepali e complessivamente perigonio)
- 0 Piante con fiori clasmogami e cleistogami nella stessa specie (es. Viola).
- 0 a) Livello di classificazione tassonomica degli esseri viventi e dei minerali.
Nella classificazione tassonomica botanica la classe rappresenta il gruppo di piante con rango inferiore alla Divisione e superiore all’ordine (es. Magnoliopsyda o Dicotiledoni).

b) Nella classificazione fitosociologica di Braun-Blanquet la classe rappresenta l'unità di più alto livello dove sono riuniti gli ordini che a loro volta riuniscono le alleanze costituite dalle associazioni.
La classe viene indicata con il suffisso –etea posto al genere della specie prescelta (es. Quercetea ilicis ).
- 0 frammento di un substrato roccioso, in conseguenza della sua disgregazione.
2 Che ha forma di clava.
- 0 Frutto che non si frammenta e non si apre naturalmente. (Bacca, Drupa)
- 0 Caso particolare dell'autogamia obbligatoria, cioè l'autoimpollinazione che avviene quando alcune specie di fiori, per particolari condizioni sfavorevoli non riescono ad effettuare l'antesi (Pisum, Viola, ecc.).
Si oppone a casmogamia.
1 Dicesi della corolla bilabiata quando le labbra sono quasi parallele e la fauce corollina è chiusa.
E' il contrario di anectolema che contraddistingue la fauce aperta della corolla.
- 0 Dicesi di una foglia che ha il lembo con diversi fori.
- 0 Insieme delle condizioni atmosferiche di temperatura, pressione, umidità, venti e precipitazioni che riguardano un territorio per un congruo periodo di tempo, tali da condizionare la vita.
- 0 Dicesi dei frutti che maturano rapidamente e sono in grado di portare avanti il processo di maturazione anche dopo l'abscissione (mela, pera, pomodoro).
Si contrappongono ai frutti non climaterici che hanno tempi di maturazione più lunghi e interrompono la maturazione dopo il raccolto (limone, uva, fragola).
- 0 ( o Climacico) Aggettivo che descrive la situazione di climax.
- 0 Ultimo stadio di una successione della vegetazione che culmina in una comunità vegetale ritenuta stabile, in massimo equilibrio con l'ambiente locale.
- 0 Piccola cavità all'apice del gimnostemio che contiene le antere (Orchidee)
1 A forma di scudo (clypeus).
- 0 Dicesi di un individuo, geneticamente identico al soggetto dal quale deriva per generazione agamica.
- 0 Complesso di pigmenti, essenzialmente verdi, localizzati nei cloroplasti (presenti nelle piante verdi) che, attivati dalla luce solare la trasformano in energia chimica per la fotosintesi.
- 0 Organulo citoplasmatico proprio delle piante e delle alghe eucariotiche, contenente la clorofilla, dove viene svolta la fotosintesi.
- 0 Ingiallimento anormale delle foglie, spesso sintomo di qualche carenza minerale, di infezione da virus o di luce estremamente ridotta.
1 Cuccariun Dumontier
Frutto schizocarpico formato da frutticini derivanti da carpelli inizialmente concresciuti e poi separati che si aprono lungo i margini o lungo la nervatura centrale (Euphorbia,Ruta).
Se è formato da 3 carpelli prende il nome di Tricòcco
2 Coccetum Dumontier
Frutto multiplo, con frutticini (apocarpi) deiscenti che si aprono lungo suture ventrali e dorsali.
- 0 Di colore rosso scarlatto.
1 Coccum (Gaertner) em. Dumontier
Frutto semplice, secco, spesso legnoso, senza parti fiorali connesse (pericarpo) che deriva dal solo carpello, deiscente lungo due suture e che contiene uno o piu' semi attaccati basalmente. Non appartenente alle Fabales.
Myristica fragrans
1 E' il nome volgare da alcuni usato per indicare il pseudofrutto dei ginepri, dove squame carnose avvolgono i semi.
1 Dicesi di organo laminare arrotondato e concavo a forma di cucchiaio.
3 Dicesi della preflorazione cocleata vessillare quando un petalo esterno (vessillo) ricopre quelli ai lati (ali) ed questi ricoprono quelli inferiori (carena) è il caso delle Papilionoideae (Fabaceae).
Quando è la carena a ricopriree per intero gli altri petali si parla di Preflorazione cocleta carenale
- 0 ( o coerenza) In botanica, unione, fusione, saldatura di organi di uno stesso verticillo, termine applicato soprattutto ai verticilli fiorali, ma anche a qualsiasi altro organo composto.
1 Dicesi di popolamento composto di alberi della stessa età o di età poco diversa.
- 0 Che provoca l'espulsione della bile.
- 0 Guaina che racchiusa nell'embrione dei semi, protegge la radichetta delle Poaceae.
1 ( o coleoptile) Guaina membranosa racchiusa nell'embrione dei semi delle monocotiledoni che rapprenta la prima foglia della plantula. Avvolge la gemma caulinare, perfora il terreno nella germinazione e si apre per lasciare uscire il germoglio.
- 0 Di sostanza o farmaco che stimola la secrezione della bile da parte delle cellule epatiche.
- 0 E' un tessuto meccanico che si trova nelle parti periferiche delle piante giovani (piccioli e fusti erbacei) col compito di conferire solidita' ed elasticita' e sostenerle.
1 Nelle piante è la zona situata all'estremità opposta dell'apice radicale e forma la porzione che unisce la radice al fusto.
2 Dicesi del portamento di un albero i cui rami poco sviluppati, crescono appressati al fusto, conferendo alla pianta una aspetto più o meno cilindrico.
Sono dette radici colonnari quelle radici che partono da un ramo e scendono sul terreno formando una specie di colonna più o meno parallela al fusto. Chiamate anche radici a trampolo hanno il compito di puntellare la pianta, ed anche sollevarla per tenere ossigenato il tronco in caso di alta marea, una volta penetrate nel terreno svolgono anche le normali funzioni di assorbimento.
1 (o colpo, plurale colpi) Apertura allungata sulla superficie di un granulo di polline, con rapporto lunghezza/larghezza > 2.
- 0 Struttura in piante ed animali che ha la forma di una piccola colonna.

In botanica viene indicata come asse interno di alcuni organi vegetali, così
- nei frutti schizocarpi è l'asse longitudinale centrale che separa i monocarpi deiscenti o indeiscenti di alcune famiglie botaniche come quella del Polachenario di Erodium, e Geranium (Geraniaceae), del Coccario di Linum (Linaceae), nelle Apiaceae; nei frutti capsulari persiste anche dopo la deiscenza, con o senza i semi, come in Capsula settifraga di Rhododendron (Rhodendraceae).
- nella radice è la zona centrale della cuffia radicale, costituita da cellule con grossi granuli di amido, statoliti, coinvolti nella percezione della gravità, che orientano la direzione verso il basso nella crescita della radice (geotropismo positivo).
- nel granulo pollinico sono strutture a forma di colonna della sexina,(parete esterna della exina), che sorreggono il tectum.
- in alcuni funghi Mixomiceti e generi Mucor, Geaster, Stemonitis , Astraeus è l'asse centrale delle zone sporigene che contengono le spore.

Talvolta il termine viene usato per indicare l'asse centrale (placenta) di alcuni frutti (Actinidia sinensis , Solanum lycopersicum ecc.) e coni.
- 0 A forma di colonnella, come un tipo di struttura della parete esterna del granulo pollinico (exina).
1 Ciuffo di peli sericei alla base o all'apice di alcuni semi come quelli delle Apocynaceae, che non sono generati dal calice modificato come nelle Asteraceae.
- 0 Dicesi di vegetali o animali che convivono a stretto contatto senza vantaggi nè danni reciproci.
1 In botanica è riferito alla superficie di unione di organi simili.
Viene detta faccia commissurale la superficie di contatto dei due mericarpi che costituiscono il frutto delle delle Apiaceae.
1 Dicesi di specie di pianta rupestre che vegeta su rocce ricoperte da sottili strati di suolo derivanti dallo sgretolmento delle rocce.
2 Formate da più elementi distinti e separati come le foglioline di una foglia composta, o le infiorescenze composte che sviluppano da ogni asse altre infiorescenze
Sinonimo di Composite. Sono composti i frutti che derivano da più di un pistillo di più fiori uniti
Il termine indica anche il nome di una grande famiglia botanica caratterizzata da fiori composti in capolini (Compositae o Asteraceae).
1 Dicesi di semi, frutti, foglie o fusti con qualche loro parte schiacciata.
- 0 (o Biocenosi). Insieme di piante, con taxa diversi, che vegetano in un determianto biotopo.
- 0 E’ la cavità del tallo in cui sono riuniti gli organi maschili e femminili, che comunica con l'esterno mediante un foro, tipico di alcune piante crittogame.
- 0 (o concrescimento). Fenomeno per cui parti o organi, in altri casi disgiunti, crescono uniti formando un' unica struttura.
Concrescono ad es. i filamenti staminali e i petali, i petali della corolla gamopetala.
2 Dicesi anche duplicata o raddoppiata, della prefogliazione e della foglia nella quale la lamina si ripiega in due longitudinalmente lungo la nervatura, in modo che la faccia esterna abbracci l'interna.
Dicesi anche delle foglioline di una foglia pennata che si accostano come le pagine di un libro.
- 0 Tessuto che trasporta acqua e sostanze nutritizie, detto anche tessuto vascolare.
1 Dicesi di foglie che si uniscono per le loro basi, saldandosi insieme a formare una sola foglia.
- 0 Roccia sedimentaria costituita da depositi di frammenti arrotondati superiori a 2 mm.
- 0 Costituiscono l'ordine più importante delle Gimnosperme, composte da alberi caratterizzati da semi portati da coni o strobili, foglie per lo più ad ago o a scaglia, legname spesso resinoso, omogeneo. Sinonimo di resinose, aghifoglie.
- 0 (o Congiunti) Nati insieme. Dicesi di organi vegetali (antere, stipole, foglie ecc.) nati e cresciuti insieme, uniti insieme sin dalla base.
1 Riferito alle foglie sono connato-perfogliate quando sono opposte, sessili, saldate insieme generalmente per la base, che avvolgono il ramo sul quale sono inserite, come se questo le attraversasse.
1 Dicesi di tessuti di un organo che si fonde e aderisce integralmente con quelli di un altro organo dello stesso tipo, come gli stami o follicoli connessi tra loro.
Se l'adesione avviene tra due organi di tipo diverso (es. stami con petali) sono adnati.
1 Tessuto che costituisce il prolungamento del filamento nello stame e che separa le due logge dell'antera.
1 Dicesi di elementi molto vicini tra di loro, generalmente paralleli all'asse principale, separati alla base che si incurvano uno verso l’altro e convergono all’apice, ma senza saldarsi, (bratte, sepali, petali).
1 Fiore o infiorescenza simile a una spiga con brattee ed assi legnose e persistenti.
1 Compound cone Spjut (nov.)
Pseudofrutto delle gimnosperme, consistente in squame secche che portano i semi, tra loro embriciate e compattate in una struttura a cono, in cui ogni squama è sottesa da una brattea che è con essa fusa o distinta.
Es. Pinaceae
1 Simple cone (Gaertner)Spjut(stat,nov.)
Pseudofrutto secco, cilindrico con semi attaccati a megasporofilli simili a squame legnose disposti a spirale intorno ad un'asse centrale. (Es: Ephedra spp.)
1 Dicesi di organo (caule,ramo o frutto) sprovvisto di articolazioni.
E' il contrario di articolato.
Due organi sono
continui quando sono aderenti tra loro in modo tale che non e' possibile dividerli senza romperli. ( Es. le spine continue al fusto del biancospino,
al contrario degli aculei che sono contigui al fusto, come nella rosa).
2 ( O Imbricata) Dicesi di preflorazione in cui ogni petalo o sepalo ricopre ed è ricoperto parzialmente da quello vicino, contorcendosi nella già gemma come una corda (Es. Althaea, Cyclamen, Nerium oleander, Vinca major).
Nella prefogliazione è sinonimo di convoluta quando una foglia, nella gemma ha la lamina avvoltolata longitudinalmente a spirale su se stessa, in modo che un margine abbracci e involga l'altro. (Berberis, Prunus, Lattuga, Banano).
- 0 Propagggine secondaria che si stacca da un sistena montuoso
1 (o di trazione) sono le radici avventizie che bulbi, tuberi e rizomi emettono per fissarsi meglio al terreno, controllare l'interramento delle base del fusto, per mantenere la giusta profondità anche in occasioni sfavorevoli.
2 Foglia (o organo) che si arrotola in senso longitudinale e forma un tubo. (Foglie di molte monocotiledoni)
Dicesi anche della prefogliazione convoluta o contorta della foglia che nella gemma ha la lamina avvoltolata longitudinalmente a spirale su se stessa, in modo che un margine abbracci e involga l'altro. (Berberis, Prunus, Lattuga, Banano).
- 0 Che si aviluppa sul letame o gli escrementi.
1 Colore che abbraccia una vasta tonalità di tinte che vanno dal rosso al rosa e all'arancione, che rappresentano quelle del corallo più pregiato.
Alcune specie botaniche e micologiche hanno preso il nome da questo epiteto e da sue derivazioni, come


Corallinus: Brownanthus corallinus, Lamprococcus corallinus, Corallocarpus corallinus, Gasteranthus corallinus, Pandanus corallines, Mimulus corallines, Mesembryanthemum corallinum, Psilocaulon corallinum, Eryngium corallinum, Anthurium corallinum, Nidularium corallinum, Pelargonium corallinum, Lycopodium corallinum, Bulbophyllum corallinum, Epydendron corallinum, Aloe coralline, Aiphanes corallina, Rhus corallina, Ilex corallina, Curima corallina, Begonia corallina, Berberis corallina, Bignonia corallina, Tillandsia corallina, Wittrockia corallina, Crassula corallina, Echeveria corallina, Diospyros corallina, Agapetes corallina, Gentiana corallina, Gentianella corallina, Otidia corallina, Glycine corallina, Miconia corallina, Eugenia corallina, Paeonia corallina, Crataegus corallina, Mespilus corallina, Rosa coralli Camellia corallina , na, Selaginella corllina, Tilia corallina, Urtica corallina,
Marchandiomyces corallinus, Agaricus corallinus, Chalciporus corallinus, Chroogomphus corallinus, Cryptococcus corallinus, Gomphidius corallinus, Polyporus corallinus, Sporobolomyces corallinus, Coccotrema corallinum, Herpothallon corallinum, Stereocaulon corallinum, Stilbum corallinum, Biatora corallina, Hygrocybe corallina, Lecanora corallina, Lecidea corallina, Letrouitia corallina, Meliola corallina, Meliola corallina, Peziza corallina, Phyllachora corallina, Rhodotorula corallina, Russula corallina, Thyrea corallina, Toninia corallina, Torula corallina, Typhula corallina

Corallinoides: Parmeliella corallinoides, Griffithsia corallinoides
Corallinolutea: Aposphaeria corallinolutea
Corallinorosacea:Clavaria corallinorosacea, Clavulinopsis corallinorosacea
Corallioides: Tetramolopium corallioides, Chassalia corallioides
Coralloides: Mesembryanthemum coralloides, Helichrysum coralloides, Arthrocnemum coralloides, Erica coralloides, Euphorbia coralloides, Tithymalus coralloides, Erythrina coralloides, Limonium coralloides, Statice coralloides, Portulaca coralloides, Psychotria coralloides, Vitis coralloides

1 (o Cordiforme) Riferito ad un organo laminare (es. foglia) che ha la forma di un cuore rovesciato con la punta verso l'esterno.
1 Che ha l’aspetto e la consistenza del cuoio.
- 0 ( vedi Apocarpico) Gineceo pluricarpellare con carpelli liberi e separati tra loro, ogni carpello forma un ovario e per ogni fiore ci sono più pistilli (Magnoliaceae, Ranuncolaceae, Crassulaceae, Platanaceae, Rosaceae).
1 Infiorescenza ombrelliforme o appiattita, che pur avendo peduncoli fiorali di diverse lunghezze ha i fiori posti tutti sullo stesso livello
1 Infiorescenza composta in cui l'asse principale porta altri corimbi di secondo ordine, è anche detta corimbo tirso. Es.: Sambus nigra.
- 0 Con petali liberi.
1 a) Insieme dell'apparato radicale, delle foglie e del fusto delle piante superiori o tracheofite.
b) Organo sotterraneo corto e ingrossato di alcune piante, somigliante ad un bulbo, ma sprovvisto di gemme, e simile al tubero ma con le sostanze di riserva poste nel caule ingrossato e non nelle squame. Viene anche chiamato bulbotubero.
- 0 Piante superiori (briofite, pteridofite, gimnosperme, angiosperme) organizzate con organi che svolgono funzioni fondamentali costituiti dal cormo e cioe' fusto, radice, foglia.
Contrapposte alle tallofite(alghe,funghi,licheni), il cui corpo vegetativo e' costituito dal tallo.
1 (o Corniculato) Organo somigliante ad un corno o con parti somiglianti ad un piccolo corno, ossia con prolungamenti od appendici, ricurve, aguzze e delicate.
1 E’ il verticillo fiorale che forma la parte vessillare del fiore ed composto dai petali vistosi e variamente colorati, che possono essere liberi o più o meno congiunti.
- 0 (o fitogeografia corologica) è la disciplina della geobotanica che studia la distribuzione delle specie vegetali sulla superficie terrestre, in relazione a fattori storici, geografici ed ecologici.
1 Appendice a forma più o meno circolare come il bordo di una tazza.
Corona del perigonio è una struttura circolare risultante dall'unione di appendici petaloidi (in alcune Amaryllidaceae).
Corona della corolla che risulta dall'unione di squame dei petali (Silene).
Corona staminale che è l'espansione formata di parti petaloidi dell'androceo nelle Asclepiadaceae.
Corona dell'achenio che è l'espansione all'apice dei frutti delle Asteraceae, Dipsacaceae, Valerianaceae,che è formata dal lembo del calice trasformato e persistente.
- 0 Provvisto di corona.
- 0 E' il tipo di areale a cui appartiene una specie, o anche un genere o una famiglia che viene indicato col nome della zona geografica di pertinenza
(ad es. corotipo mediterraneo, corotipo euroasiatico ecc.)
3 Dicesi dei petali o tepali e foglie ripiegate irregolarmente in tutte le direzioni e della preflorazione e prefogliazione relativa.(Es. Cistus, Papaver, Punica).
- 0 Termine non tecnico che comprende tutti i tessuti esterni che hanno funzione di rivestimento protettivo di radici, fusti e rami. E' vivente nei soggetti giovani, ma si trasforma in legno o in sughero dopo qualche anno.
- 0 Pianta diffusa in tutte le zone del mondo senza importanti lacune.
1 (O costoluto) Provvisto di sporgenze e costole.
Se le coste sono parallele e formano delle scanalature incavate l'organo e detto scanalato.
1 (o Costa). Prominenza longitudinale sulla superficie di un organo.
- 0 (o Cotico) Porzione del terreno che circonda la radice delle piante erbacee.
1 Foglie embrionali, cioè la prime foglie, già formate dentro il seme, che spunteranno alla germinazione e che spesso contengono una riserva di sostanze nutritive.
Sono caratteristici delle piante produttrici di semi e possono essere:
Uno nelle Monocotiledoni, due nelle Dicotiledoni, da due a diciotto nelle Gimnosperme e sono
ipogei (es. fava, querce) o epigei (es. faggio, ricino).
1 Dicesi di organo con peli morbidi, molli, fini, confusi ed appressati (più corti e più fini di quelli lanosi).
1 Craspedium Beck
Frutto secco deiscente tipo lomento che a maturità si disarticola incompletamente in più porzioni monosperme, costituite da segmenti che si separano trasversalmente l'un l'altro e longitudinalmente dai margini del replo, lasciando però il rivestimento marginale attaccato al peduncolo. Es. Il frutto della Mimosa pudica.
1 Termine che secondo Hickey, L. J. 1973, definisce la nervatura delle foglie pennate (con una singola nervatura centrale) che ha i nervi secondari che terminano al margine fogliare.
Si distinguono
1) Craspedodroma semplice: con tutte le nervature secondarie e le loro derivazioni terminanti al margine.
2) Semicraspedodroma: con le nervature secondarie che si ramificazione appena all'interno del margine, un ramo di ciascuna termina al margine e l'altro forma un anello marginale e si unisce alla nervatura secondaria soprastante.
3) Craspedodroma mista: con alcuni nervi secondari che terminano al margine ed altri al di sotto di esso.
- 0 Dicesi di specie appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, dotata di parenchimi acquiferi per la riserva idrica e di apparati radicali molto estesi e profondi.
1 Cremeus e le sue derivazioni, corrispondono al colore crema, formato da una tonalit?? di giallo molto chiaro, tendente al bianco, simile a quello della crema pasticcera, che tuttavia spesso assume tonalit?? diverse, che hanno dato il nome ad alcune specie botaniche e micologiche.

Cremaceus: Ceriomyces cremaceus
Cremeus:Epimedium cremeum, Aleuritopteris cremea, Marsdenia cremea, Erica cremea, Aglaia cremea, Aleurodiscus cremeus, Bolbitius cremeus, Boletus cremeus, Gymnomyces cremeus, Hygrophorus cremeus, Marasmius cremeus, Panellus cremeus, Trichoderma cremeum, Basidiodendron cremeum, Hebeloma cremeum, Hyphoderma cremeum, Trichoderma cremeum, Bloxamia cremea, Clitocybe cremea, Niemelaea cremea, Lachnea cremea, Pleurocollybia cremea, Russula cremea
Cremicarneus: Ceriporiopsis cremeicarnea
Cremicolor: Hygrocybe cremicolor, Hypochnicium cremicolor, Entoloma cremicolor, Ramariopsis cremicolor, Steccherinum cremicolor
Cremiluteus: Physarum cremiluteum
Cremeiroseus: Russula cremeirosea
Cremeiruber: Russula cremeirubra
Cremeoalbidus: Punctulariopsis cremeoalbida, Neofavolus cremeoalbidus
Cremeoalbus: Gloeoporus cremeoalbus, Hyphoderma cremeoalbum, Entoloma cremeoalbum, Steccherinum cremeoalbum
Cremeoavellaneus: Russula cremeoavellanea, Vararia cremeoavellanea
Cremeoflavescens: Russula cremeoflavescens
Cremeoflavus: Aspergillus cremeoflavus
Cremeofulvus: Asterostroma cremeofulvum
Cremeogriseus: Tricholoma cremeogriseum
Cremeoides: Trichoderma cremeoides
Cremeoisabellinus: Amylocorticiellum cremeoisabellinum
Cremeolilacinus: Russula cremeolilacina
Cremeolilacinoides: Russula cremeolilacinoides
Cremeoluteus: Entoloma cremeoluteum
Cremeo-ocraceus: Phanerochaete cremeo-ochracea, Russula cremeo-ochracea
Cremeopallens: Entoloma cremeopallens
Cremeopallidus: Hebeloma cremeopallidum
Cremeoroseus: Paecilomyces cremeoroseus
Cremor: Lactarius cremor, Polyporus cremor
Cremoraceus: Gymnopus cremoraceus, Collybia cremoracea
Cremoricolor: Crinipellis cremoricolor , Russula cremoricolor, Peziza cremoricolor, Polyporus cremoricolor
Cremorinus: Corticium cremorinum, Fomes cremorinus, Polyporus cremorinus

- 0 Vedi polachenario.
1 Margine di una lamina fogliare che ha denti arrotondati e poco marcati.
La differenza tra crenato e lobato sta nella diversa profondità delle dentellature marginali.
1 Dicesi di organo laminare che il margine con intaccature o denti arrotondati e convessi molto piccoli, minori di quelli crenati.
1 a) Organo irregolarmente arricciato e ondulato con alcuni peli.
b) Dicesi anche del margine di organi laminari irregolarmente ondulati e plissetati, sinonimo di increspato
1 Organo dotato di escrescenze o appendici irregolarmente dentate o laciniate.
- 0 Organo attraversato da canalicoli (tessuto, cellula, tubo):
Tubo o vaso cribroso nel floema delle piante è adetto al trasporto delle sostanze organiche elaborate.
- 0 Linea di massima elevazione di un rilievo montuoso
- 0 Superficie ricoperta da ciuffi di peli lunghi e morbidi simili a capelli.
- 0 Fenomeno di fratturazione delle rocce derivato dal gelo.
- 0 (o microterme)Dicesi di specie che possono sopportare situazioni di gelo per lungo tempo.
- 0 Rientranza o piccolo incavo nella superficie di alcuni organi vegetali.
Nella foglia sono presenti le cripte stomatiche dove sono collocati gli stomi e le cripte pilifere che ospitano i peli.
- 0 Specie erbacea perenne le cui gemme o apici vegetativi destinati a superare la stagione avversa, si trovano al di sotto della superficie del suolo o nel suolo sommerso sottacqua.
Queste piante si trovano prevalentemente in climi freddi e umidi.
Appartengono a questa categoria le “geofite” e le “idrofite”
1 Foglie o altri organi laminari con venature non evidenti (Aloe).
- 0 Che ha gli stami non visibili (Sideritis)
- 0 Termine che indicava, nella classificazione di Linneo la classe dei vegetali a nozze nascoste, cioè che si riproducono mediante spore a differenza delle Fanerogame a nozze manifeste o piante con fiori.
Delle crittogame fanno parte felci, muschi, licheni, epatiche e sfagni.
1 Colore giallo dorato, giallo arancio, giallo rossastro, come quello dello zafferano.

Croceus: Papaver croceum, Lactarius croceus, Hygrophorus croceus, Cortinarius croceus, Amanita crocea, Allium croceum, Bidens croceus, Cistus croceus, , Entoloma croceum, Leodonton croceus, Lupinus croceus, Rhamnus croceus
Crocatus: Senecio crocatus, Amaranthus crocatus, Aster crocatus, Bidens crocata, Callista crocata, Cornus crocatus, Crataegus crocata, Hieracium crocatum, Micena crocata, Odontoglossum, Oenanthe crocata, Poa crocata, Poliporus crocatus, Senecio crocatus, Rigidoporus crocatus
Croceicolor: Cortinarius croceicolor
Crocellus: Taraxacum crocellum
Croceocaeruleus; Cortinarius croceocaeruleus
Croceolutescens: Cortinarius croceolutescens
Croceovelutinus: Leucoagaricus croceovelutinus
Crocinus: Crataegus crocina
- 0 vedi plastidio che contiene pigmenti gialli o aranciati come xantofille o carotene presenti in fiori, frutti e altri organi.
1 Corpuscoli situati nel nucleo delle cellule eucariotiche (nelle procariotiche sono posti nel citoplasma), composti da acido desossiribonucleico (DNA), proteine(istoni) e acido ribonucleico (RNA).
Contengono le informazioni genetiche (genoma) che trasmettono ai nuovi individui nelle divisioni cellulari (meiosi e mitosi).
1 Dicesi di organismi vegetali di forma piatta, aderenti al substrato come alcuni licheni.
1 (o Cruciforme) Dicesi della corolla dialipetala con quattro petali disposti in croce e con una lunga unghia.
2 Il termine derivato da "crúor" (sangue) è usato in botanica e micologia per il dare il nome ad alcune specie di colore rosso sangue arterioso.

Cruentus: Abelmoschus cruentus, Amaranthus cruentus, Astragalus cruentus, Cyperus cruentus, Dianthus cruentus, Gladiolus cruentus, Haplopappus cruentus, Hibiscus cruentus, Lonchocarpus cruentus, Lotus cruentus, Phaseolus cruentus, Phlegmariurus cruentus, Schoenus cruentus, Senecio cruentus, Urostachys cruentus, Acinodendron cruentum, Aeonium cruentum, Aspidosperma cruentum, Bulbophyllum cruentum, Catodiacrum cruentum, Clerodendrum cruentum, Crinum cruentum, Dendrobium cruentum, Doronicum cruentum, Helichrysum cruentum, Hieracium cruentum, Hymenoglossum cruentum, Hymenophyllum cruentum, Lycopodium cruentum, Nidularium cruentum, Odontoglossum cruentum, Pelargonium cruentum, Philodendron cruentum, Regelia cruentum, Rheum cruentum, Rhododendron cruentum, Ribes cruentum, Sempervivum cruentum, Vaccinium cruentum, Aregelia cruenta, Aristolochia cruenta, Begonia cruenta, Bomarea cruenta, Bromelia cruenta, Carex cruenta, Crataegus cruenta, Centaurea cruenta, Cineraria cruenta, Columnea cruenta, Colutea cruenta, Dactylorhiza cruenta, Epipactis cruenta, Erica cruenta, Euphorbia cruenta, Freesia cruenta, Grossularia cruenta, Hazardia cruenta, Huperzia cruenta, Hypoestes cruenta, Karatas cruenta, Melaleuca cruenta, Mimosa cruenta, Pericallis cruenta, Neoregelia cruenta, Ormosia cruenta, Orchis cruenta, Orobanche cruenta, Pereskia cruenta, Phlox cruenta, Sloanea cruenta, Sebastiania cruenta, Vicia cruenta,
Boletus cruentus, Cortinarius cruentus, Polyporus cruentus, Poria cruentus, Suillus cruentus, Chaetomium cruentum, Fusarium cruentum, Hydnellum cruentum, Sporisorium cruentum, Hygrocybe cruenta, Hymenochaete cruenta, Orbilia cruenta, Phoma cruenta, Polyblastia cruenta, Pyrenula cruenta
Cruentatus: Haemanthus cruentatus, Hibiscus cruentatus, Rubus cruentatus, Hieracium cruentatum, Acetosella cruentata, Euphorbia cruentata, Maxillaria cruentata, Mormolyca cruentata, Oxalis cruentata, Peperomia cruentata, Silene cruentata,
Agaricus cruentatus, Cruentotrema cruentatum, Chiodecton cruentatum, Entoloma cruentatum, Helotium cruentatum, Russula cruentata, Pyrenula cruentata
Cruentoides: Cortinarius cruentoides
Cruentulus: Melanotheca cruentula, Strickeria cruentula, Teichospora cruentula, Trypethelium cruentulum
1 o cuculliforme: organo che ha la forma e/o l'aspetto di un cappuccio
1 E' il nome del frutto del cappero (Capparis spinosa L.)
1 (o Pileoriza o Caliptra) è tessuto parenchimatico a forma di cappuccio che riveste l'apice vegetativo delle radici, svolgendo una funzione protettiva.
1 Fusto generalmente erbaceo delle graminacee, caratteristicamente articolato, fistoloso, vuoto negli internodi, solido soltanto ai nodi.
- 0 Vegetale coltivato volontariamente modificato o selezionato dall'uomo. Rappresenta il risultato della coltivazione delle piante in orticoltura, agricoltura e silvicoltura.
- 0 Termine (abbreviato in cv. secondo il Codice internazionale per la nomenclatura delle piante coltivate) che identifica un insieme di piante derivate da popolazioni selvatiche, selezionate per particolari caratteri (domesticazione selettiva o naturale), che mantengono e ripetono nella propagazione gamica per almeno 3-4 generazioni.
Il nome di una cultivar è costituito in generale dal  binomio botanico seguito da un epiteto aggiuntivo racchiuso tra apici semplici. 
Esempio: Malus domestica 'Cripps Pink'.
- 0 (plurale culta), è una abbreviazione di “cultivate taxon” per indicare un gruppo sistematico di piante coltivate basato su uno o più criteri. Il termine è equivalente al taxon, ma è usato in un contesto di diversa classificazione.
I nomi dei culta sono stabiliti unicamente da “International Code of Nomenclature for Cultivated Plants” (ICNCP, Cultivated Plant Code).
2 (o Cuneato) A forma di cuneo o di piramide rovesciata, allargato all'apice che si restringe gradatamente verso la base.
- 0 a forma di cuore, simile alla reniforme ma allungata ed appuntita all'apice.
1 (o Cupula). Struttura dalla forma caratteristica a tazza, costituita da espansioni fogliacee (brattee o scaglie)imbricate e concrescenti che avvolge alcuni frutti (ghianda, castagna, nocciola)
1 Colore rosso-bruno che ricorda quello del rame
Mescolandosi con altri colori assume diverse tonalità e sfumature che hanno dato il nome a numerose specie botaniche e micologiche
Cupreus: Centropogon cupreus , Cyperus cupreus, Mariscus cupreus, Elaeocarpus cupreus, Croton cupreus, Lotus cupreus,Juncus cupreus, Hibiscus cupreus, Helleborus cupreus, Ranunculus cupreus, Mimulus cupreus, Adianthum cupreum, Mesembryanthemum cupreum, Anthurium cupreum, Alyssum cupreum, Lamium cupreum, Lilium cupreum, Psidium cupreum, Epilobium cupreum, Bulbophyllum cupreum, Epidendrum cupreum, Panicum cupreum, Verbascum cupreum, Alocasia cuprea, Cassinia cuprea, Solidago cuprea, Bignonia cuprea, Silene cuprea, Licania cuprea, Carex cuprea, Fagus cuprea, Quercus cuprea, Iris cuprea, Fritillaria cuprea, Eucalyptus cuprea,Oenothera cuprea, Oxalis cuprea, Crataegus cuprea, Rosa cuprea, Euphrasia cuprea, Smilax cuprea, Lycoperdon cupreum, Armillaria cupreus, Clitopilus cupreus, Gyrodon cupreus, Biatora cuprea, Hymenoscyphus cupreus, Lotus cupreus, Polyporus cupreus, Russula cuprea, Lecania cuprea, Biatora cuprea, Collybia cuprea, Mycosphaerella cuprea, Parmelia cuprea, Pezizella cuprea, Rosellinia cuprea, Mycosphaerella cuprea, Verrucaria cuprea
Cupreatus: Croton cupreatus, Echinocactus cupreatus, Conophytum cupreatum, Protium crupeatum, Piper cupreatum, Agave cupreata, Angiopteris cupreata, Copiapoa cupreata, Quercus cupreata, Episcia cupreata
Cupreoaffinis: Russula cupreoaffinis
Cupreobadius: Lecanora cupreobadia, Protoparmelia cupreobadia, Solenopsora cupreobadia, Pseudoplacodium cupreobadium
Cupreoater: Bellemerea cupreoatra
Cupreicolor: Clavaria cupreicolor
Cupreobrunneus: Agaricus cupreobrunneus, Psalliota cupreobrunnea, Caloplaca cupreobrunnea
Cupreofuscus: Phylloporina cupreofusca, Semilecanora cupreofusca
Cupreoglaucus: Aspicilia cupreoglauca, Lecanora cupreoglauca, Urceolaria cupreoglauca
Cupreogriseus: Circinaria cupreogrisea
Cupreolus: Buellia cupreola, Lecidea cupreola, Russula cupreola, Urceolaria cupreola
Cupreorosellus: Bacidia cupreorosella, Biatora cupreorosella, Bilimbia cupreorosella
Cupreoroseus: Fomitopsis cupreorosea, Trametes cupreorosea
Cupreorufescens: Spirosphaera cupreorufescens
Cupreorufus: Caloplaca cupreorufa, Lecidea cupreorufa, Cortinarius cupreorufus
Cupreoviolaceus: Russula cupreoviolacea, Cortinarius cupreoviolaceus
Cupreovirens: Marasmiellus cupreovirens
Cuprescens: Cortinarius cuprescens, Pyrenula cuprescens
Cupricolor: Lactarius cupricolor, Marasmius cupricolor, Lycoperdon cupricolor
Cupricus: Lycoperdon cupricum, Penicillium cupricum
Cuprinus: Carex cuprina, Vigna cuprina, Luzula cuprina, Aira cuprina, Orchis cuprina, Avenella cuprina, Crataegus cuprina, Duosperma cuprinum,Paxillus cuprinus, Biatora cuprina
Cuprobrunneus: Leucoagaricus cuprobrunneus

1 (o Curvinervie) Sono foglie generalmente ovate e/o ellittiche, con diverse nervature pincipali con la centrale più o meno retta e le altre sempre longitudinali, ma arcuate dalla base verso i margini e ravvicinate all'apice.
1 Comunità prative diffuse in ambiente montano con prevalenza di Carex curvula
1 Dicesi di un organo che restringendosi dalla base verso l'apice, termina con una punta rigida e sottile non molto lunga, come in alcune foglie (Verbascum phlomoides, Acer platanoides).
- 0 Membrana o strato continuo di una sostanza grassa o cerosa (cutina) che riveste all'esterno le cellule dell'epidermide di alcuni organi vegetali, con funzione protettiva.
- 0 Sostanza grassa o cerosa depositata sopra o tra gli spazi intercellulari dell'epidermide delle piante superiori.
- 0 Abbreviazione di cultivar, secondo il Codice internazionale per la nomenclatura delle piante coltivate. (Vedi lemma)
1 Colore ciano proprio del fiordaliso, formato da azzurro e verde nelle loro varie sfumature

Cyanus: Centaurea cyanus
Cyaneus: Cuphea cyanea, Allium cyaneum, Penstemon cyaneus, Calocybe cyanea
Cyanellus: Marrubium cyanellum
Cyanulus: Rhodophyllus cyanulus, Entoloma cyanulum
Cyanescens: Gyroporus cyanescens, Panaeolus cyanescens
Cyaneotinctus: Tylopilus cyaneotinctus
Cyanoides: Entoloma cyanoides
Cyanophaeus: ciano oscuro - Agaricus cyanophaeus
Cyanomelaenus: ciano che diventa nero - Entoloma cyanomelaenus
Cyanoxanthus: ciano e giallo - Russula cyanoxantha
Cyanoniger: ciano e nero - Entoloma cyanonigrum
Cyaneoviridescens: ciano che diventa verde - Entoloma cyaneoviridescens